Nucleare, Battaglia: "Vogliamo garanzie sulla scuola di radioprotezione"

L'intervento del sindaco di Caorso Roberta Battaglia

“Vogliamo garanzie sul mantenimento a Caorso della scuola di radioprotezione”. E’ quanto il sindaco di Caorso (sede dell'ex centrale nucleare Arturo) Roberta Battaglia torna a chiedere a Sogin, a pochi giorni dall’aut aut imposto alla società sul deposito nazionale (“da troppo tempo attendiamo risposte sulla sua localizzazione. Caorso, e tutta l’Emilia Romagna, si sono già dichiarati indisponibili ad accoglierlo. E’ inaccettabile che l’azienda, dopo anni, ancora non si sia espressa né abbia interessato i territori in questo percorso. D’ora in avanti non presteremo il fianco a nessun tipo di proposta di collaborazione che non sia basata su piani certi”).


“Da tempo invochiamo, da parte di Sogin, risposte e garanzie scritte sulla scuola di radioprotezione - dice Battaglia -. In più di un incontro, anche su nostro sollecito, si è parlato di un possibile potenziamento della scuola. Un progetto che suscita interesse anche a livello internazionale, perché  sarebbe inserito in un impianto che già ha attuato alcuni passi verso la dismissione. Fatto, questo, che catalizza l’attenzione e l’interesse della comunità scientifica. Sarebbe quindi un gravissimo errore perdere questa occasione e questa opportunità di sviluppo. Se ai tanti proclami dell’azienda non dovessero far seguito fatti concreti, sarebbe l’ennesima dimostrazione che gli accordi  e le parole date dai vertici Sogin troppo spesso sono traditi da scelte incoerenti e, non di rado, rispondono a criteri che sembrano discostarsi anni luce dal buonsenso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento