menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nucleare, Foti (Fd'I): "Situazione conflittuale alla Sogin, si rinvia lo smantellamento"

In una interrogazione alla Giunta, il consigliere sottolinea le difficoltà operative del Cda di Sogin e il fatto che la "realizzazione del deposito nazionale" per le scorie radioattive "è del tutto in salita e il territorio piacentino paga i ritardi"

Da tempo si trascina "una situazione di conflittualità in Sogin - in particolare all'interno dei suoi organi decisionali - che, peraltro, la Regione Emilia-Romagna ha inopinatamente ignorato". È dei giorni scorsi la notizia "delle dimissioni rassegnate dall'amministratore delegato di Sogin con una lettera inviata al ministro dell'Economia e delle Finanze nella quale si evidenziano 'problemi gravi' dettati dallo stato di inerzia dell’operatività di Sogin determinati da un consiglio d'amministrazione che 'sfiancato da interminabili e sterili polemiche instillate irresponsabilmente da chi lo presiede si attarda sempre più su questioni di micro-management mentre manca di visione e non è più in grado di deliberare con la necessaria serenità'". Lo scrive Tommaso Foti (Fdi-An) in una interrogazione alla Giunta per sapere se la Regione sia a conoscenza di questi fatti e quali urgenti iniziative intenda assumere presso il Governo, visto che la societa` Sogin (interamente partecipata dal ministero dell'Economia e delle Finanze) "ha il duplice compito di smantellare tutti i siti nucleari", compresa la centrale di Caorso (Pc), e, nel frattempo, "di mantenerli in sicurezza, tenuto conto che i costi relativi ai due compiti vengono finanziati dai consumatori e che, in particolare, il mero mantenimento in sicurezza dei siti comporta un onere di circa 70 milioni l'anno nella bolletta elettrica". 


“Pare evidente- rileva Foti- che le tempistiche per raggiungere la condizione di 'brown field' a Caorso, e, quindi, lo smantellamento definitivo dell'impianto, risultano strettamente vincolate alla realizzazione del deposito nazionale, atteso che il predetto sito non avrebbe spazio a sufficienza per ospitare tutti i rifiuti radioattivi prodotti dalla dismissione e considerato che per trasferire tutto il materiale irraggiato dalla centrale al deposito nazionale occorreranno tra i dieci e quindici anni". Tuttavia, chiude il consigliere, "la strada per l'individuazione, ma soprattutto per la realizzazione, del deposito nazionale è del tutto in salita e, nel frattempo, il territorio piacentino deve subire sistematici rinvii delle tempistiche, periodicamente indicate, riguardanti lo smantellamento (definitivo) dell'impianto di Caorso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento