Numero unico emergenza, Tagliaferri: «Introdurre l'app "Where are U" anche in Emilia-Romagna»

Il consigliere regionale chiede l'introduzione del servizio di emergenza anche in regione. Tramite quest'app è infatti possibile richiedere aiuto inviando automaticamente la propria posizione

Giancarlo Tagliaferri

Estendere all'intera Emilia-Romagna l'applicazione 'Where Are U', «uno strumento essenziale per agevolare la localizzazione di eventuali emergenze, soprattutto in contesto extra-urbano». A chiederlo, attraverso un'interrogazione, sono i consiglieri regionali di Fratelli d'Italia, Giancarlo Tagliaferri, Fabio Callori e Michele Facci. Primo firmatario del documento è Tagliaferri.

'Where Are U' è infatti l’applicazione ufficiale per l’emergenza, disponibile per tutti i sistemi operativi degli smartphone, collegata alle Centrali uniche di risposta (Cur) del numero europeo d'emergenza 112. Con questa applicazione è possibile richiedere l’intervento di forze di pubblica sicurezza, vigili del fuoco e soccorso sanitario, inviando automaticamente la propria posizione all'operatore 112. «L’eccezionalità di questa applicazione - scrive il consigliere Tagliaferri - consiste nel fatto che è connessa al sistema informativo della Cur 112, permettendo una localizzazione puntuale anche nei casi in cui il chiamante non sappia o non sia in grado di dire esattamente dove si trova. L’applicazione rileva la posizione dello smartphone e, al momento della chiamata, la trasmette tramite rete dati o tramite Sms. Il doppio canale assicura sempre l’invio della posizione ogniqualvolta sia possibile effettuare una telefonata. L’applicazione dispone della possibilità di eseguire una 'chiamata silenziosa' nel caso in cui l’interessato non sia in grado o non possa parlare». L'app risulta oggi utilizzabile in Lombardia, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, nelle province di Agrigento, Catania, Caltagirone, Enna, Messina, Siracusa e Ragusa e nella città di Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sarebbe auspicabile giungere all’utilizzo di un’unica applicazione per l’accesso all’emergenza-urgenza su tutto il territorio nazionale - continuano gli esponenti di Fdi - in modo da consentire a qualsiasi cittadino, indipendentemente dalla regione di residenza, di accedere prontamente ai servizi di emergenza. L’Italia- rimarcano- è in ritardo nell'applicazione del sistema di geolocalizzazione per le emergenze nonostante la direttiva dell’Unione europea lo renda obbligatorio. Nel caso dell’alpinista francese deceduto nel Cilento dopo essere caduto in un burrone, del motociclista caduto nel canale di scolo sotto la strada provinciale 68 di Bobbiano di Travo o della signora piacentina smarritasi nei boschi della Romagna, l’applicazione avrebbe consentito tempi di intervento molto più rapidi, magari anche salvando delle vite».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbanda con il tir e viene sbalzato dalla motrice: gravissimo camionista

  • Esce di strada e si ribalta piu volte nel campo, 24enne all’ospedale

  • Dà fuoco alla tenda di un senzatetto mentre lui dorme: «Sono vivo per miracolo»

  • Dramma della solitudine: trovata senza vita in casa dopo tre mesi

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Dall'inferno del Covid al ritorno a casa, ecco i vigili del fuoco che hanno vinto il virus

Torna su
IlPiacenza è in caricamento