“Nuove opportunità per lo sport”: a Piacenza un incontro per la legge regionale

Appuntamento il 6 giugno per presentare la legge regionale alle associazioni

Domani la discussione nella seduta di Assemblea legislativa a Bologna. Il documento sarà poi illustrato a Piacenza dal consigliere regionale Pd Paolo Calvano per fare il punto sull’impiantistica sportiva. Presenti il sottosegretario alla presidenza Andrea Rossi e i consiglieri piacentini Katia Tarasconi e Gian Luigi Molinari. L’evento, aperto a tutta la cittadinanza e in particolare alle associazioni sportive, si terrà al teatro Trieste, in via Trieste 34 a Piacenza, martedì 6 giugno alle ore 18.

“È un testo di legge quello sullo sport cheoffre nuove opportunità ed è fortemente voluto dal gruppo regionale Pd. Si mettono al centro salute, benessere e formazione per i giovani”, spiegano i consiglieri piacentini Tarasconi e Molinari. L’incontro si terrà martedì 6 giugno al teatro Trieste 34 in via Trieste, 34 a Piacenza ed è aperto a tutta la cittadinanza e alle associazioni sportive.

“Abbiamo pensato – spiegano i consiglieri Pd – che fosse opportuno far conoscere nel dettaglio alle realtà locali quali saranno le novità sulle norme per la promozione e lo sviluppo delle attività motorie e sportive”. Il testo sarà presentato dal consiglierePd Paolo Calvano che ne è il relatore. Nel documento si intende promuovere lo sport su diversi livelli attraverso programmazione e contributi, il coinvolgimento delle scuole, senza dimenticare i venti milioni di euro per il rinnovo degli impianti e tante altre opportunità che saranno spiegate dettagliatamente nel corso dell’incontro. L’evento, aperto a tutti i rappresentanti delle realtà sportive locali, è organizzato dal Partito Democratico di Piacenza, in collaborazione con il Gruppo Assembleare Pd della Regione Emilia-Romagna.

“Con gli emendamenti proposti al testo di legge – continuano i consiglieri piacentini - vogliamo rafforzare il contrasto al doping, dare attenzione alla accessibilità alle strutture da parte dei diversamente abili e alla formazione degli operatori sportivi”. Altro aspetto interessante è l’aumento del numero dei soggetti ammessi a ricevere i contributi della Regione: sarà sufficiente essere iscritti al Coni o affiliati a Enti di Promozione Sportiva e non essere necessariamente iscritti al registro regionale delle APS. La Regione conta complessivamente 800mila iscritti a enti di promozione sportiva, quasi 370mila atleti aderenti alle federazioni e circa tre milioni di praticanti di attività motorie. “Come emerge dal testo – concludono Tarasconi e Molinari - c’è l’obiettivo di dare maggiore spazio e protagonismo alle associazioni sportive perché solo così renderemo l’attività motoria una parte irrinunciabile della nostra vita, attribuendole di diritto il ruolo di portatrice di benessere di corpo e mente. Oltre a svago, passione e agonismo si tratta di un cambiamento culturale che riguarda tutti e mette al primo posto la prevenzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento