Politica

Nuovi insediamenti commerciali, i Liberali: «Da valutare bene l’impatto»

Le riflessioni del direttivo dell’associazione sulla possibilità di nuove edificazioni in alcune aree abbandonate o libere della città

In Comune a Piacenza sono state presentate diverse proposte di edificazione in diverse aree della città. Alcune riguardano zone in degrado o abbandonate, da recuperare. Però, per ogni progetto di sviluppo, l'associazione e il gruppo consiliare dei "Liberali Piacentini", vogliono analizzare bene la questione prima di dare la propria approvazione (o meno) politica. «Davanti ad una serie di interventi di forte impatto ambientale/abitativo/commerciale - commenta in una nota l’associazione  - si ritiene che si debba provvedere con attenta ponderazione sulla base di una preliminare decisione sulla Piacenza che verrà, posto che il P.S.C. non è uno strumento imperativo e non attribuisce alcun diritto (contrariamente a quanto l’opinione pubblica, non sufficientemente informata, potrebbe ritenere) e soprattutto perché nulla ad oggi è stato deciso. E’ altrettanto vero che si potrebbe rischiare di perdere l’occasione di ottenere un maxi finanziamento dallo Stato se non saremo in grado di pianificare, ed al più presto, una completa proposta di programmazione della città. Il Consiglio direttivo dell’Associazione Liberali, integrato dai consiglieri comunali liberali Antonio Levoni e Gianpaolo Ultori, all’unanimità, valuta che si debba procedere con una valutazione complessiva degli interventi che si profilano come prossimi e dell’impatto che gli stessi avranno sull’attività commerciale e sui risparmi dei piacentini che hanno acquistato la casa anche solo di abitazione oltre che, eventualmente, a titolo di investimento. Se la Giunta non metterà la città, prima ancora che il Consiglio comunale, nella condizione di fare una valutazione complessiva nel senso indicato e con un’unica deliberazione/determinazione, l’Associazione si riserva piena libertà di valutazione dei singoli provvedimenti di impatto commerciale/abitativo che venissero proposti, dovendosi impedire che i piacentini vengano impoveriti con politiche di interventi massivi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi insediamenti commerciali, i Liberali: «Da valutare bene l’impatto»

IlPiacenza è in caricamento