Nuovi insediamenti commerciali, oltre gli 800 metri decide il Consiglio

Approvata in aula la proposta per il recupero di immobili già esistenti: sopra la soglia degli 800 metri è necessaria una valutazione di Palazzo Mercanti

«Vogliamo una città regolamentata – ha osservato Lorella Cappucciati (Lega) -, e far passare le decisioni dal Consiglio comunale è un segnale importante. Saranno gli eletti a discutere le proposte commerciali in quest’aula». «Non è che se un provvedimento lo valuta il Consiglio comunale – è l’intervento di Massimo Trespidi (Liberi) - si risolvono tutti i problemi. Vi siete ravveduti sul tema dal settembre scorso, in modo contorto. Da “nessun filtro” per i nuovi insediamenti si sta passando a “qualche filtro”. Però poi è diventato un problema politico, soprattutto quando sono intervenuti i Liberali Piacentini, che ora chiedono che decida il Comune e i suoi uffici. Mentre per i rivi urbani andava bene che decidesse il Consiglio comunale. Perché da un certo numero di metri devono decidere i consiglieri comunali? Perché se si è sotto quella cifra non valuta il Consiglio?». Anche dai consiglieri del Movimento 5 Stelle critiche alla decisione della maggioranza: «Si dà il via libera alla grande distribuzione», hanno lamentato Sergio Dagnino e Andrea Pugni.

Questo è l’ultimo atto discusso in aula da Tommaso Foti, che in seguito ha rassegnato le sue dimissioni da Palazzo Mercanti. «Abbiamo cercato di mettere insieme – ha detto Foti - l’atto più legittimo possibile e evitare possibili ricorsi dei privati. Non ci siamo rimangiati le parole, ma proposto solo un’osservazione. La moratoria per i nuovi insediamenti c’è stata eccome. Non c’è alcun ravvedimento, ma è subentrata una sentenza della Corte Costituzionale sulla Regione Abruzzo di fine 2018, che voleva riservare al Comune la valutazione dei nuovi insediamenti». Secondo Foti l’accordo operativo è un filtro ai nuovi insediamenti, con il Consiglio comunale a fare da regista. «Giusto che il Consiglio decida, ma sotto l’ombrello della legge». 

 Con l’ok della sola maggioranza (senza Antonio Levoni dei Liberali) la nuova soglia è passata. Il dibattito sugli insediamenti commerciali non ha visto la presenza in aula del consigliere Mauro Saccardi. Da inizio mandato polemico con la sua stessa maggioranza sul tema, Saccardi – commerciante del centro storico – proprio nei giorni scorsi aveva abbandonato il gruppo consiliare di Forza Italia per aderire al Gruppo Misto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento