Ospedale di Fiorenzuola, Forza Italia: «Progetto non chiaro e risorse insufficienti»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

"Non posso che astenermi di fronte a un percorso e a un progetto che, anche in questa fase, dimostra tutti i suoi contorni incerti”. Questa la posizione espressa quest’oggi dal Consigliere Regionale di Forza Italia Andrea Pollastri, durante la discussione in Commissione Servizi Sociali sulla proposta di adeguamento strutturale e rinnovo funzionale del Presidio Unico Val D’Arda.

“La vicenda della ristrutturazione dell’ospedale di Fiorenzuola ha mostrato lati non chiari fin dall’inizio – continua – con una mancanza di comunicazioni da parte dell’Asl e della Regione Emilia-Romagna, che non hanno fatto altro che creare apprensione nell’opinione pubblica, con il timore di un forte ridimensionamento del presidio sanitario. Un atteggiamento fumoso, quello della Regione, che è dimostrato anche dalla mancanza oggi in Commissione dell’Assessore alla Sanità Lusenti, che avrebbe potuto rispondere direttamente a quelli che sono i nostri dubbi sul progetto”.

“Prima di tutto – spiega l’esponente di Forza Italia – mi pare urgente, e chiederò per questo al Presidente Errani di attivare un’indagine interna, analizzare come siano stati spesi i soldi pubblici in una struttura che dopo pochi decenni di vita necessita già di un intervento radicale di demolizione e ricostruzione. Ma soprattutto rimangono intatti, dopo la Commissione di oggi, tutti i miei dubbi sul fatto che le risorse stanziate siano effettivamente sufficienti per una completa realizzazione dell’opera, in particolare per quel che riguarda la dotazione delle necessarie tecnologie per il suo funzionamento. Il timore è che non sia stato definito quello che dovrà e vorrà essere il futuro ruolo del presidio ospedaliero di Fiorenzuola, rischiando di trasformarlo così in una scatola vuota”.

“A tal proposito – conclude Pollastri – preoccupante è l’intervento del consigliere regionale piacentino Marco Carini, che in Commissione ha affrontato il discorso della necessaria complementarità dei presidi di Fidenza e Fiorenzuola, nell’ambito della riorganizzazione del servizio sanitario regionale e nella definizione delle cosiddette Aree Vaste. Con questa prospettiva, mi chiedo chi tra Fiorenzuola e Fidenza ci perderà e ci guadagnerà, sia a livello di strutture sanitarie sia, soprattutto, di servizi ai cittadini”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento