Ospedale di Fiorenzuola, Foti: «ll Pd ha fatto bingo, Compiani si dimetta»

Il consigliere regionale commenta l'intervento della finanza del 19 febbraio

«Da tempo ho presentato in Regione una dettagliata interrogazione sulle procedure riguardanti sia l'affidamento dei lavori di ricostruzione di parte dell'ospedale di Fiorenzuola, sia le riserve, fondate ad avviso di chi scrive, più volte espresse dal Comitato per la difesa della detta struttura. L'arrivo in queste ore della Guardia di Finanza davanti all'immobile, il sequestro della struttura, ci dicono che l'assessore Venturi deve battere immediatamente un colpo». Lo afferma il consigliere regionale Tommaso Foti (Fd'I-AN).

«E' una vicenda nata male, proseguita peggio e che rischia di finire nel caos - prosegue la nota - solo per l'arroganza di chi, a tutti i costi, all'interno dell'Ausl ha voluto tirare dritto, senza ascoltare le ragioni di alcuno. Il tutto con l'appoggio di vari sindaci del Partito Democratico, a partire da Giuseppe Compiani, oggi presidente della conferenza socio sanitaria, incarico dal quale sarebbe doveroso che si dimettesse».

Non c'è che dire: tecnici dell'Ausl, da una parte, e PD, dall'altra, ancora una volta hanno fatto bingo", ironizza Foti, che aggiunge "chiedo all'assessore Venturi di prendere in mano la situazione con l'urgenza che il caso conclama. Non vorrei, infatti, che dopo il danno creato dal suo predecessore, oggi la costruzione della nuova infrastruttura resti bloccata sine die, con gravissimi danni per i cittadini ed il personale dell'Ausl che dovranno sempre più rivolgersi ai presidi di Piacenza e di Fidenza.

Sia ben chiara una cosa: noi l'ospedale funzionante e al servizio dell'intera Val d'Arda lo vogliamo, perché è indispensabile garantire la qualità dei servizi sanitari - conclude il consigliere di Fd'I-AN- e, dunque, nessuno in Regione si faccia strane idee al riguardo. Ciò che oggi serve è accertare chi siano i responsabili di questo vero e proprio caos amministrativo e metterli da parte. Per il resto occorre ridare a Fiorenzuola  e alla Val d'arda il loro ospedale».

Di seguito, il testo dell'interrogazione presentata sull'ospedale di Fiorenzuola d'Arda dal consigliere regionale Tommaso Foti,  il 29 dicembre 2014.

Per sapere - premesso che:

il 18 dicembre 2014 è scaduto il termine per la partecipazione alla "procedura aperta relativa all'appalto per la progettazione esecutiva e la costruzione del nuovo Blocco B del presidio della Valdarda"), pubblicato il 1°ottobre; rispetto a detta procedura, l'Ordine Nazionale degli Ingegneri ha richiesto all'Ausl di Piacenza opportune e dovute verifiche, segnalando la supposta violazione dei parametri previsti dal Ministero della Giustizia - Decreto ministeriale 31 ottobre 2013, n. 143 - Regolamento recante determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara nelle procedure di affidamento di contratti pubblici dei servizi relativi all'architettura ed all'ingegneria (Gazzetta Ufficiale n. 298 del 20 dicembre 2013);

riguardo all'ammontare del compenso per la progettazione, l'Ausl di Piacenza, nella risposta al quesito n. 4 protocollo 422 del 7 novembre 2014, ha effettivamente ammesso che " l'importo di 150 mila euro è stato determinato forfettariamente senza fare riferimento diretto al decreto ministeriale 143/2013 "; al di là di detti rilievi, che pure potrebbero inficiare la procedura che qui interessa, risultano oltremodo preoccupanti le precisazioni rese dall'Ausl di Piacenza, a seguito di alcune richieste delle imprese interessate a partecipare alla procedura di cui sopra. In particolare l'Ausl evidenzia che rimarranno, con parti a rustico, gli ambulatori e il centro prelievi; i servizi di riabilitazione, gli studi medici, gli uffici amministrativi;

al riguardo, non si può non osservare come lo stanziamento di 10 milioni di euro da parte della Regione, oltre a quello di due milioni di euro da parte dello Stato, avrebbe dovuto garantire - almeno a giudizio dei tecnici dell'Ausl e dell'allora assessore regionale Lusenti - la consegna di una struttura ospedaliera finita in tutte le sue parti. Risulta, invece, addirittura che dal computo risultano esclusi: il gruppo elettrogeno, il gruppo frigo, la sistemazione di aree esterne e parcheggi, il serbatoio esterno dell'ossigeno e il montacarichi zona impianti -

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

se non ritenga la Giunta Regionale di dovere definitivamente chiarire non solo entro quali tempi l'opera in questione verrà realizzata, rispetto a quelli inizialmente ipotizzati, ma anche e soprattutto se il progetto sottoposto anche all'attenzione e all'approvazione dei sindaci del territorio verrà completamente realizzato e con quali costi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento