Ottone, il vicesindaco sarà Maria Lucia Girometta: «Valorizzerò il paese»

L’ex consigliera cittadina chiamata dal sindaco Beccia a far parte della Giunta: «Dopo quindici anni di opposizione finalmente faccio parte di un’Amministrazione». Forza Italia? «Non sono più tesserata da anni, non c’è stima nei vertici regionali e locali»

Maria Lucia Girometta

«Dopo quindici anni in cui ho fatto solo opposizione, finalmente faccio parte di un’Amministrazione anch’io». Dopo un periodo di riposo succeduto a quindici anni di minoranza in Consiglio comunale a Piacenza, Maria Lucia Girometta è stata chiamata a fare parte della Giunta di Ottone dal rieletto primo cittadino Federico Beccia. Il sindaco domenica presterà giuramento nel comune dell’Alta Valtrebbia per la seconda volta e ha scelto Girometta per il ruolo di vicesindaco, con delega agli affari generali, rapporti con le istituzioni, cultura e valorizzazione territorio.

«Sono emozionata – spiega Girometta -, è la prima volta che mi trovo in maggioranza. Dopo quindici anni di interrogazioni, battaglie e segnalazioni – sempre costruttive – sarò in una Giunta che amministra un paese. Potrò essere così più concreta». «Ottone è il paese di famiglia e della mia giovinezza, il luogo dove sono cresciuta e mi sono formata. Qua ho lasciato il cuore e ora posso fare qualcosa per il paese. È un luogo importante della nostra provincia che va maggiormente valorizzato, scoperto, studiato. M’impegnerò per valorizzarlo dal punto di vista turistico, è un comune ridente di grande bellezza, con luoghi caratteristici».

Eletta per tre volte a Palazzo Mercanti, nel parlamentino cittadino, sempre nelle fila di Forza Italia a suon di preferenze, si è poi allontanata Lucia Girometta e Gloria Zanardi-2dal partito. «Non sono più iscritta a Fi dal 2017 – precisa - anno delle Elezioni Amministrative in città. Avevo aderito con entusiasmo e passione a questa forza politica agli inizi, ho sempre ammirato e stimato il presidente Silvio Berlusconi e la sua forza. Purtroppo a livello regionale e provinciale negli ultimi anni, i vertici, invece di valorizzare le persone sul territorio, le hanno affossate. E gli ultimi risultati elettorali del partito parlano chiaramente. Di Forza Italia ho bellissimi ricordi, ma un partito è fatto di uomini e negli ultimi tempi molti non sono stati degni».

Sua figlia, la consigliera comunale cittadina Gloria Zanardi, è approdata di recente in Fratelli d’Italia. Come ha visto questo passaggio? «Fd’I è un partito moderato – risponde Girometta - nel centrodestra attuale i moderati non hanno grandi alternative. Chi si riconosce in determinati valori come la famiglia e le radici cristiane, non può che ritrovarsi in Fratelli d’Italia. Io stessa ho condotto tante battaglie a Piacenza in Consiglio comunale in questo solco». Si è iscritta, oltre a sua figlia, anche lei, in Fratelli d’Italia? «No, non ancora».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Investito da una fiammata, gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento