«Panchine rotte, tombini aperti e buche pericolose: ecco il Pubblico Passeggio»

Girometta: »Sono queste le cose che non si possono tollerare. Soprattutto quando questa incuria è presente in una delle zone più belle e frequentate di Piacenza. Chiedo all'Amministrazione Comunale di fare una passeggiata nel nostro bellissimo Facsal per rendersi conto della situazione»

Il fontanino semi distrutto

«Piacenza, la nostra città, vorremmo descriverla come città d’arte e di storia, città  ricca di musei, chiese, palazzi signorili e teatri stupendi. Piacenza deve essere anche osannata per  la grande tradizione gastronomica locale, e perché offre ai visitatori la possibilità di alternare itinerari culturali a percorsi enogastronomici tra specialità culinarie e sapori tipici. Ma ecco che, se percorriamo casualmente un tratto di un nostro fiore all’occhiello, il Pubblico Passeggio, ci troviamo di fronte immagini poco degne della città che tanto desideriamo sia: panchine che mostrano degrado e incuria, buche pericolose da cui, specialmente di notte, sbucano topi piccoli e grandi». Si legge in una nota di Maria Lucia Girometta, capogruppo di Forza Italia in consiglio. 

«Alcuni tombini sono senza coperchio e la parte superiore del “famoso” fontanino è divelto  ai piedi dello stesso e mi chiedo chi lo ha spostato e quanto poteva essere pericoloso se fosse caduto sui piedi di qualcuno. E che dire del marciapiedi, sconnessi e pericolosi. Sono queste le cose che non si possono tollerare. Soprattutto quando questa incuria è presente in una delle zone più belle e frequentate di Piacenza. Chiedo all’Amministrazione Comunale, tanto assente in troppe situazioni, di fare una passeggiata nel nostro bellissimo Facsal non solo per godere dello spettacolo che offre ma anche e soprattutto per controllare quanto è da ripristinare», conclude. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento