Papamarenghi (Fi): «La nostra posizione sull’Irpef dettata dalla responsabilità»

Il coordinatore di Forza Italia prova a chiarire la situazione: «Coalizione unita». I Liberali: «Problemi di comunicazione interna ed esterna nella maggioranza»

Il coordinatore di Forza Italia Jonathan Papamarenghi. Sotto, Antonio Levoni

Addizionale Irpef, siamo sempre qua. Stavolta il coordinatore provinciale di Forza Italia Jonathan Papamarenghi – che è anche assessore in Giunta oltre che sindaco di Lugagnano – prova a chiarire la situazione e a ricompattare i ranghi, dopo la querelle con Fratelli d’Italia che ha visto poi il capogruppo Sergio Pecorara scusarsi in Consiglio comunale con Tommaso Foti per il «malinteso». «Per chiudere in modo definitivo i dibattiti mediatici – scrive Papamarenghi - che in nessun modo interessano le forze politiche di centrodestra ed ancor meno il gruppo consiliare di Forza Italia, intervengo assieme ai consiglieri comunali. Si ribadisce la fiducia ed il pieno sostegno per la coalizione di centrodestra e per l’operato del sindaco Barbieri, sposando il tenore dell’intervento della stessa durante l’ultima seduta di Consiglio comunale, così come evidenziato durante il dibattito dall’intervento del consigliere Mauro Saccardi. Con orgoglio ribadiamo che la scelta di Fi era ed è per il “non aumento” dell’addizionale Irpef. All’assessore Paolo Passoni fu chiesto di verificare tutte le ipotesi percorribili per addivenire ad una scelta responsabile, giungendo poi nei giorni seguenti a condividere che le condizioni politiche portavano al non voler procedere all’aumento».

«Come riportato nella nota sopra citata – commenta Papamarenghi - il partito di Forza Italia non intende proseguire polemiche che hanno già ampia risposta nella decisione di bloccare l’aumento dell’addizionale Irpef deliberato dalla passata Amministrazione. Polemiche alle quali da questo momento non darà più alcun seguito. La posizione durante il Consiglio comunale tenuta dal capogruppo Sergio Pecorara è stata di responsabilità per il positivo operato della maggioranza, e chi opera con senso di responsabilità non va “sconfessato”, come erroneamente citato da qualche parte, bensì sostenuto. Le scuse, pertanto, sono state dettate dal fare chiarezza su equivoci che non hanno motivo di esistere all’interno della legittima dialettica di una coalizione unita, che opera dell’interesse della comunità».

Nel dibattito, comunque, interviene anche il gruppo dei Liberali Piacentini «Siamo stati la prima forza politica di maggioranza ad esprimerci – sottolinea il consigliere Antonio Levoni - contro l’aumento dell’addizionale con comunicati e prese di posizione ad hoc». Il Antonio Levoni 2-2-2capogruppo Levoni, nel commentare le vicende politiche seguenti, ha voluto specificare che la maggioranza è «assolutamente carente per quanto riguarda la comunicazione esterna ed interna all’ente riuscendo di conseguenza a vanificare in parte i positivi effetti derivanti dal non avere aumentato l’addizionale Irpef». «Si è parlato di ipotetici miglioramenti dei servizi ai cittadini che teoricamente si sarebbero potuti realizzare con l’aumento appunto dell’addizionale, ma si è preferito scegliere un uovo oggi (non aumentare le tasse) che una ipotetica gallina domani. Noi liberali a scanso di eventuali ulteriori difetti di comunicazione sproneremo la maggioranza affinché si approfondiscano meglio e tutti insieme le scelte politiche ancora da prendere, al fine di ricompattarci e dimostrare a tutti che il sindaco e tutto il centrodestra vogliono il bene della città e di tutti i piacentini. Il non avere aumentato l’addizionale Irpef leggiamolo tutti come la via da seguire per il futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento