Legge di stabilità, De Micheli: «Piacenza protagonista di questi provvedimenti»

Il sottosegretario all'economia Paola De Micheli (Pd) illustra le ricadute per il Piacentino: «Prorogati di un anno i servizi per il lavoro della Provincia. Il governo sta andando nella direzione giusta. Nella Stabilità misure per la crescita anche a Piacenza». Ecco i provvedimenti

Il sottosegretario De Micheli

«Piacenza è protagonista di queste misure». Così il sottosegretario all’Economia Paola De Micheli, ci tiene a illustrare le ricadute economiche della Legga di Stabilità 2015 sul territorio piacentino. «Stiamo parlando di una manovra da 32,4 miliardi di euro – spiega De Micheli nella sede del Pd a Piacenza -, ovvero di due punti del nostro Pil. Le prime misure sono legate alle politiche del lavoro: su tutti la riduzione dell’Irap.  Quasi 6 miliardi in meno di tasse per 30mila imprese piacentine iscritte alla Camera di Commercio. A chi ha lavoratori dipendenti e li vuole trasformare a tempo indeterminato, verrà tolta una quota di Irap. Per gli altri vi saranno riduzione forfettarie del 10%. Le decontribuzioni per i dipendenti a tempo determinato che nei prossimi 3 anni verranno trasformati a tempo indeterminato, possono riguardare 900mila lavoratori: la ritengo una misura che va in favore soprattutto dei giovani e degli over 50 che hanno perso il lavoro di recente. Così vogliamo stabilizzare i redditi medio-bassi. Potrebbe essere una “leva”, creare un effetto di fiducia importante, penso che sia psicologicamente più positivo per un lavoratore fare questo che aumentare lo stipendio a un precario».

Il secondo pacchetto di misure riguarda le famiglie: 112 milioni per il fondo di sostegno.  Di questi, 100 milioni sono per lo sviluppo dei servizi sociali. «E’ ancora molto poco – ammette De Micheli - ma c’è un contributo anche per le famiglie numerose, dai 4 figli in su. In compenso rifinanziamo con 400 milioni il fondo per le persone non auto sufficienti –a Piacenza abbiamo ben 35 casi di Sla - . Siamo consapevoli di come alcune misure stiano generando incertezze e preoccupazione, siamo anche consapevoli che ci sono condizioni in questo Paese che stanno migliorando, ad esempio il calo dei prezzi delle bollette energetiche. Noi ci stiamo mettendo tutta l’energia che abbiamo. Qua ci sono migliaia di piacentini coinvolti dalla conseguenze di questa legge di stabilità.

«Nel Decreto Milleproroghe – continua De Micheli - è stata inserita una norma per finanziare i contratti dei dipendenti dei centri per l’impiego per tutto il 2015: sono salvi dunque i servizi per il lavoro erogati in appalto dalla Provincia di Piacenza. Sono molto soddisfatta perché di fatto mette in salvo una serie di servizi fondamentali, come quelli per il collocamento e il nuovo impiego, in questa particolare fase della nostra economia. Inoltre la norma ci concede più tempo per arrivare ad una loro riorganizzazione organica, da realizzare insieme alle Regioni, all'interno di quella che sarà l'Agenzia nazionale per il lavoro. Voglio sottolineare che questa proroga – prosegue – riguarda i servizi per i lavoro non solo della nostra Provincia, ma anche delle altre Province emiliane, di Toscana, Lazio e Liguria, dove in passato è stata compiuta la scelta dell'appalto a realtà esterne. A questo importante risultato siamo arrivati grazie alle segnalazioni che mi sono giunte proprio da Piacenza: voglio ringraziare il dirigente della Provincia di Piacenza Francesco Cacciatore e l'assessore regionale Paola Gazzolo per il fondamentale lavoro svolto nella definizione della proposta di proroga e il confronto costante con i lavoratori coinvolti. Mi sono presa l'impegno di trovare una soluzione percorribile e grazie alla collaborazione del Ministero dell'Economia, abbiamo colto un obiettivo che nel corso del 2015 dovrà trovare risposte definitive».

«La direzione è quella giusta, ridurre le tasse alle imprese e ai lavoratori è sempre stato detto e promesso dal Pd in passato. I due governi del Pd l’hanno fatto e lo stanno facendo: 2 miliardi e mezzo ridotti da Letta e 18 miliardi da Renzi». Il sottosegretario sottolinea come sia alto il numero di piacentini che pone domande e riflessioni sul “Jobs Act”.  «La maggior parte dei piacentini che mi manda mail o mi chiama, mi chiede informazioni sul meccanismo dell’alternanza tra lavoro e ammortizzatori sociali. Per poterlo capire bisogna incrociare due leggi: la legge di stabilità sugli ammortizzatori sociali e i decreti attuativi del 24 dicembre. Sono soprattutto gli under 40 ad avere molta attenzione al tema: al riguardo pubblicheremo una nota specifica per tutte queste persone che vogliono interpretazioni della legge».

«Questa – commenta in generale la legge di stabilità - è la direzione del centrosinistra. Lo Stato mette sulla bilancia tante misure: è bello sapere che a Piacenza ci sono migliaia di cittadini coinvolti dai provvedimenti. Molto è partito da qua, ad esempio le discussioni sulle norme del “Milleproroghe” che riguardano i dipendenti provinciali sono iniziate dal caso della Provincia di Piacenza. I piacentini perciò devono sentirsi protagonisti perché lo sono, valutiamo molto le loro considerazioni. Nei prossimi mesi organizzerò incontri con le imprese del Piacentino, incontri formali e informali. Un incontro coinvolgerà sicuramente l’Ice, l’istituto del commercio estero: sarà un workshop che illustrerà alle aziende e imprese piacentine la possibilità di intercettare nuovi canali mondiali di export. Per quanto riguarda Expo 2015 - a tal proposito ci sono ulteriori 60 milioni investiti per l’evento - ci sarà una sorpresa per i piacentini. Per un’intera settimana ad Expo saremo protagonisti assoluti, e avrà molto spazio il nostro pomodoro. Compatibilmente con i miei impegni a Roma – dovremo a breve eleggere il nuovo presidente della Repubblica – il primo trimestre dell’anno vedrà Piacenza protagonista, tante cose nasceranno e si svilupperanno qua».

Paola De Micheli-7

LA LEGGE DI STABILITÀ 2015 - LE PRINCIPALI MISURE

 

La Legge di Stabilità 2015, migliorata rispetto al testo iniziale grazie al lavoro svolto dai parlamentari del Pd, ha un chiaro carattere espansivo ed ha l’ambizione di rimettere in circolo, nel Paese, l’elemento essenziale per poter ripartire davvero, per tornare a vedere il segno più quando si guarda l’andamento del Pil: la fiducia.

 

Complessivamente, gli interventi previsti dalla manovra ammontano a circa 32,4 miliardi di euro per il primo anno, a 45,8 miliardi nel 2016 e a 46,3 miliardi nel 2017. A copertura delle misure espansive, la manovra reperisce nuove risorse per circa 26,5 miliardi di euro nel 2015, di cui oltre 16 miliardi tramite riduzione della spesa e circa 10 miliardi da aumenti delle entrate.

 

PER LE IMPRESE, PER LA CRESCITA, PER L’OCCUPAZIONE

 

Via dall’Irap la componente lavoro - Prevista la completa deducibilità dall’Irap della componente lavoro a tempo indeterminato, incentivando peraltro i contratti di questo tipo, un beneficio di 5,6 miliardi annui, decisamente superiore al precedente taglio generalizzato del 10 per cento dell’aliquota. Per i soggetti Irap privi di autonoma organizzazione e dunque senza costo del lavoro (si tratta di 1 milione e 400 mila contribuenti), fissato un credito d’imposta del 10 per cento, per consentire il recupero di quanto perso con l’abolizione del taglio dell’aliquota dal 3,9 al 3,5 per cento.

 

Nei primi 9 mesi del 2014 le imprese registrate alla Camera di commercio di Piacenza sono 30.546 unità.

 

Zero contributi per i neoassunti nel primo triennio - Sempre per diminuire il costo del lavoro e permettere alle imprese di riacquisire competitività, per incentivare la crescita dell’occupazione e rendere più favorevole l’assunzione a tempo indeterminato, si dispone, a partire dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre dello stesso anno, l’integrale decontribuzione per tre anni dei nuovi assunti con contratti di questo tipo.

Per sostenere i nuovi ammortizzatori sociali - Costituito un Fondo per la copertura degli oneri derivanti dall’attuazione del disegno di legge in materia di lavoro (il cosiddetto Jobs Act). La dotazione per gli ammortizzatori sociali è di 2,2 miliardi di euro per il 2015 e di altrettanti per il 2016 (un emendamento del Governo ha incrementato la cifra iniziale di 200 milioni l’anno) e di 2 miliardi dal 2017.

 

Sgravi per chi ha assunto lavoratori in mobilità - Grazie ad un emendamento voluto dal Pd alla Camera, disposti sgravi contributivi già previsti per legge ma finora non riconosciuti a favore dei datori di lavoro che abbiano effettuato, fino al 31 dicembre 2012, assunzioni di lavoratori in mobilità licenziati da imprese con meno di 15 dipendenti.

 

A sostegno delle partite IVA - Stanziati 800 milioni di euro per introdurre un regime fiscale forfettario per 900 mila partite IVA a basso livello di reddito, e cioè con ricavi tra 15 mila e 40 mila euro. Il nuovo regime semplificato dei forfetizzati non sarà accessibile ai dipendenti con un reddito prevalente rispetto a quello autonomo e complessivamente superiore ai 20 mila euro.

 

Più facile acquistare macchinari e impianti con la “Nuova Sabatini” - Rifinanziata, grazie a un emendamento presentato dal Pd alla Camera dei deputati, la cosiddetta “nuova legge Sabatini”, che prevede finanziamenti agevolati per gli investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature ad uso produttivo, compresi i software.

 

Ecobonus e ristrutturazioni - Prorogate di almeno un altro anno le detrazioni alle attuali aliquote massime per gli interventi di ristrutturazione edilizia (50 per cento) e di riqualificazione energetica (65 per cento).

 

Sostegno all’Expo di Milano - Aumentato a 60 milioni di euro il sostegno statale, per il 2015, per la realizzazione dell’Expo di Milano.

 

Alleggerito il Patto di stabilità interno per gli enti locali - Nel testo presentato dal Governo si stabiliva un aggiornamento della base di calcolo per la determinazione dei saldi obiettivo per gli anni 2015- 2018 finalizzato a ridurre il contributo finanziario richiesto agli enti locali mediante il Patto di stabilità interno per complessivi 3.350 milioni annui. Nel contempo, era stato inserito nel computo del saldo finanziario rilevante ai fini del rispetto del Patto lo stanziamento del Fondo crediti di dubbia esigibilità, che determina una compressione della spesa per gli enti locali di circa 2.350 milioni di euro annui. Nel complesso, dunque, l’alleggerimento del Patto di stabilità per gli enti locali era di 1 miliardo di euro annui. E' stato approvato un emendamento che determina una maggiore gradualità nella costituzione dell’accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità compensandolo con una leggera rimodulazione delle percentuali da applicare alla spesa corrente media 2010-2012 per il calcolo dei saldi obiettivo. Nel corso del successivo esame al Senato, per le Regioni è stata estesa anche al 2015 la disciplina del cosiddetto “Patto verticale incentivato” per un ammontare di 1 miliardo.

 

PER I CITTADINI, PER LE FAMIGLIE, PER LA SOCIETÀ

 

Stabilizzato il bonus di 80 euro - Per aumentare il reddito a disposizione delle famiglie, favorire la ripresa dei consumi interni e dunque anche per questa via sostenere la crescita, viene reso strutturale, come credito fiscale, il bonus Irpef da 80 euro destinato ai lavoratori con reddito annuo lordo fino a 26 mila euro (circa 11 milioni i soggetti interessati). Circa 9,5 miliardi di euro vengono destinati a finanziare questa misura.

 

Tfr in busta paga - In via temporanea, in relazione ai periodi di paga compresi tra il 1° marzo 2015 e il 30 giugno 2018, i lavoratori dipendenti del settore privato che abbiano un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso il medesimo datore di lavoro potranno chiedere di avere in busta paga una quota del Trattamento di fine rapporto (Tfr). L’opzione è assolutamente volontaria per quanto riguarda i lavoratori e a costo zero per le imprese. Saranno le banche ad anticipare alle imprese le risorse necessarie.

 

“Bonus bebè” - Per il sostegno alla famiglia arriva il cosiddetto “bonus bebè”, vale a dire un contributo per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 di 960 euro l’anno (erogato mensilmente) fino al compimento del terzo anno di età o di ingresso nel nucleo familiare. La condizione è che il nucleo familiare di appartenenza del genitore richiedente disponga di un reddito non superiore ai 25 mila euro annui, in base all’indicatore della situazione economica equivalente (Isee). L’importo del contributo raddoppia nel caso in cui la condizione economica corrispondente al valore dell’indicatore Isee non sia superiore ai 7 mila euro annui.

 

Nella sola città di Piacenza dal primo gennaio al 30 novembre 2014 ci sono stati 800 nuovi nati.

 

Più risorse per le famiglie e per i servizi per la prima infanzia -All’interno del Fondo per gli interventi in favore delle famiglie, finanziato con 112 milioni di euro, 100 milioni sono riservati al rilancio di un piano di sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, a cominciare dagli asili nido.

 

Il Fondo per la Carta acquisti ordinaria viene incrementato di 250 milioni di euro annui a partire dal 2015.

 

Buoni acquisto per le famiglie numerose e sostegno agli indigenti: stanziati 45 milioni di euro nel 2015

 

Le famiglie numerose con più di 4 figli a Piacenza sono circa 250

 

Per le persone non autosufficienti e affette da SLA incrementata la dotazione del Fondo per le non autosufficienze di 400 milioni di euro per il 2015 (di 250 milioni a decorrere dal 2016)

 

A Piacenza i malati di Sla sono circa 35 con 6-7 casi all'anno

 

Diritto al lavoro dei disabili incrementato di 20 milioni di euro, a decorrere dal 2015, il Fondo per il diritto al lavoro dei disabili.

 

Modifica dell’Isee - Per la determinazione dell’Indicatore della situazione economica equivalente (Isee) previste indicazioni aggiuntive, a cominciare dal dato del valore medio di giacenza annuo di depositi e conti correnti bancari e postali. Bloccato l’aumento di Tasi e Imu per il 2015 in attesa che venga istituita la nuova tassa comunale unica (local tax), sono stati prorogati al 2016 gli aumenti delle aliquote Imu e Tasi previsti dalla legge di stabilità dello scorso anno.

 

Nessun aumento del canone Rai in vista di una revisione complessiva della normativa sulla Tv pubblica, il canone Rai, per il 2015, non aumenterà ma resterà fermo ai livelli del 2014 (e cioè pari a 113, 50 euro).

Pensioni: stop alle penalità previste dalla “riforma Fornero”

Sono state eliminate le penalizzazioni previste dalla “riforma Fornero” sui 7 pensionamenti con meno di 62 anni per chi entro il 2017 maturerà almeno 42 anni e un mese di contribuzione (41 anni e un mese per le donne).

 

Fissato un tetto alle “pensioni d’oro” maturate con oltre 42 anni di contributi, che non potranno eccedere l’importo che sarebbe stato liquidato secondo le regole di calcolo vigenti prima dell’entrata in vigore della “riforma Fornero”.

 

Misure per i lavoratori delle Province

 

Nel quadro della riduzione, rispettivamente del 50 e del 30 per cento, della dotazione organica di Province e Città metropolitane, dal 1° gennaio 2015 inizierà un lungo processo che durerà fino ad aprile del 2019 per completare il ricollocamento dei lavoratori presso altre amministrazioni pubbliche, incluse Regioni e Comuni. Le norme del Decreto Milleproroghe finanziano inoltre i contratti dei dipendenti dei centri per l’impiego per tutto il 2015, in attesa dei decreti di attuazione della delega sul lavoro. Il ricollocamento sarà favorito anche dal divieto per Stato, Regioni ed enti locali di assumere altro personale al di fuori di quello proveniente dalle Province, eccezion fatta per i vincitori di concorso, fino alla fine del 2016.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento