«Paura e insicurezza per il futuro fanno crescere rabbia sociale»

Trespidi: «Dobbiamo saper intervenire al meglio per non alimentare la rabbia sociale». Saccardi: «Basta essere virtuosi, il Comune faccia anche debiti per aiutare i suoi cittadini». Buscarini: «No all’assistenzialismo puro, ma creare percorsi per chi è in difficoltà». Il dibattito in commissione 4

Il Comune di Piacenza deve fare la sua parte sull’economia locale, la paura e la insicurezza di tanti cittadini per questo momento delicato può trasformarsi in rabbia. Ancora interlocutorio il primo dibattito in commissione 4 sugli interventi da mettere in campo per la città di Piacenza, ma c’è la volontà da parte di tutti di fare squadra per fissare una serie di obiettivi comuni. In questa sede i consiglieri discuteranno con la Giunta le misure migliori per sostenere attività e famiglie del territorio in questa complessa fase post lockdown.

«Ci sono servizi comunali – ha chiesto Massimo Trespidi (Liberi) - in difficoltà in questa fase? Preoccupiamoci di quelli che sono rimasti indietro. Dobbiamo avere particolare attenzione sulle donne, per la miriade di incombenze e responsabilità che hanno. I servizi che Massimo Trespidi-18possono garantire lavoro e famiglia devono riprendere, per questo insisto sugli asili nido. Governo e Regione devono darsi una mossa». Sulle misure da introdurre per aiutare la popolazione Trespidi ha precisato che «prima di capire cosa possiamo fare, dobbiamo sapere quante risorse economiche abbiamo a disposizione». Il rappresentante di Liberi ha indicato due date. «Diamoci delle scadenze per gli interventi. Entro il 31 luglio per azioni di emergenza, il 30 settembre per fissare la progettualità per l’autunno». Trespidi ha rilevato, inoltre, che «sta crescendo la rabbia sociale. Paura e insicurezza si trasformano a lungo andare in rabbia. Diventa difficile fare una terapia dopo. Se lavoriamo bene, per tempo, non si tracima in questa rabbia sociale».

«Giusto lavorare di squadra – ha osservato Giorgia Buscarini (Pd) - su questi temi. La risposta non è elargire un contributo economico sul momento, ma creare le condizioni per accompagnare commercianti e lavoratori. Il puro assistenzialismo non serve. Non ci può essere ripresa economica se non tiene il sistema sociale. Anche in questo caso l’assistenzialismo non ci salverà. Il contributo per pagare uno o due mesi di affitto non aiuta una famiglia. Serve un percorso».

Nel dibattito ha preso la parola anche il sindaco. «I tempi sono importanti – ha detto Patrizia Barbieri -. Le due scadenze indicate da Giorgia Buscarini 2-2-2Trespidi sono corrette. È fondamentale avere il potenziamento dei servizi del Comune. La particolare attenzione verso l’universo femminile è centrale. È stato il mondo forse più colpito, senza la scuola per i figli hanno dovuto fare scelte sul lavoro. Per quello diciamo da tempo che “prima riprendono i servizi per i bambini e prima aiutiamo le famiglie”». Barbieri ha voluto concentrarsi anche sui centri estivi. «Devono avere l’obiettivo di aiutare i bambini a superare un trauma. Attraverso il gioco e la socialità, il bambino va traghettato fuori da una situazione inedita come questa». Infine, ancora due parole sugli obiettivi della commissione. «Non abbiamo tanto da scialacquare, dobbiamo avere la massima resa da ogni scelta.

È evidente che dobbiamo rispondere alla tenuta sociale. La gente è preoccupata per la famiglia, per il suo negozio, per l’attività. I cittadini rischiano di diventare più rabbiosi. Confrontandomi con altri, emerge però che ci sono capoluoghi italiani più in sofferenza di noi sotto questo profilo».

«Nessuno – ha evidenziato Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune) - deve perdere il posto di lavoro. Serve un patto, gli aiuti per il mondo produttivo devono vedere la conferma dei livelli occupazionali. Perdere il lavoro adesso è ancora peggiore, difficile reinserirsi in questa fase».

«Riscontro un po’ di paura a venire nel territorio di Piacenza, quando apriranno i confini, dalle altre realtà – ha rilevato Antonio Levoni Mauro Saccardi-6-3(Liberali). La gente la indica nel mondo come una delle città più martoriate dalla pandemia. Va rilanciata la nostra immagine turistica. Deve venir meno questa paura».

Lorella Cappucciati (Lega) ha suggerito di intervenire sull’Irpef (posizione non condivisa dal suo capogruppo Carlo Segalini) «per commercianti e altre categorie tartassate». Importante sarà intervenire sulla Tari. «Non facciamo le multe ai commercianti: vengano richiamati la prima volta, solo la seconda volta che non fanno rispettare il distanziamento, deve scattare la sanzione».

«Bisogna arrivare qua dentro – ha polemizzato con i colleghi Mauro Saccardi (Misto) – già con le proposte. La gente aspetta risposte, i piacentini faticano a pagare gli affitti e noi andremo a casa con discorsi interessantissimi - s’impara sempre qualcosa a discutere qua dentro - ma di concretezza non ce ne è. Ci sono pochi consiglieri che hanno fatto proposte. Io dico “no” a interventi pioggia, ma intervenire sulla tassazione. Pensiamo a ridurre tutte le tasse comunali di una percentuale per un anno, per dare un segnale». Qualora si registrasse un “passivo” considerevole, Saccardi invita a tirare dritto. «Perché dobbiamo essere considerati un comune virtuoso in questo momento? Quando ci sono enti non virtuosi che fanno debiti su debiti e vengono aiutati? Facciamo per una volta il passo più lungo della gamba. Se ci diranno che abbiamo fatto debiti, “lo abbiamo fatto per aiutare i nostri cittadini”». Sempre da Saccardi l’invito all’Amministrazione a chiedere uno sconto a Iren per i suoi servizi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento