rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
La polemica / Castel San Giovanni

Festeggiamenti per il Marocco, il Pd di Castello: «La Lega stimola l’intolleranza»

La segreteria dem di Castelsangiovanni interviene dopo un post sui social della consigliera regionale Stragliati: «Solo brevi disagi alla circolazione, ennesima boutade»

«Quando la politica non sa che dire, ogni pretesto è buono per parlare. Potrebbe essere questa la sintesi dell'ennesima boutade leghista dopo i festeggiamenti da parte di alcuni residenti castellani di origine marocchina per la vittoria della propria nazionale di calcio ai Mondiali in corso in Qatar». Così interviene la segreteria del Partito Democratico di Castelsangiovanni, riferendosi ad un post sui social della consigliera regionale – e castellana - Valentina Stragliati, sui festeggiamenti per l’approdo del Marocco ai quarti di finale dei Mondiali.

«Da quel che risulta, ma rimaniamo in attesa di eventuali conferme da parte delle autorità competenti, a parte brevi disagi alla circolazione, non certo una novità a Castello, non sono stati segnalati o verificati episodi ben più gravi. Le forze dell'ordine presenti non sono dovute intervenire per episodi estremi di violenza o danni a persone o cose. Quindi quale l'intento di illustri esponenti leghisti se non gettare benzina sul fuoco dell'intolleranza? Castello gettata di nuovo agli onori della cronaca come terra di nessuno. Nel giro di poche ore, basandosi su post su fb, telefonate e tam tam mediatico si è arrivati ad auspicare che in futuro certe manifestazioni vengano vietate. Sulla base di cosa? Forse che i tifosi italiani hanno dato o danno talvolta spettacoli più edificanti? La fretta di sentenziare e trovare subito dei colpevoli ha fatto sì che sui social comparissero commenti offensivi nei confronti di una delle comunità più popolose di Castello. “Risorse della sinistra”, “queste schifezze non si dovrebbero vedere”, “ci vogliono gli idranti”, “che tornino a casa loro”. Solo per citarne alcuni. Se la consigliera regionale Stragliati ha avuto tempo e modo di raccogliere segnalazioni, capire la situazione e determinare eventuali colpe, potrebbe trovare il tempo di dissociarsi pubblicamente da coloro i quali, anche sulla propria pagina Fb, hanno scritto simili commenti indegni di persone e di un paese civili. Non avverrà, ma lo auspichiamo. Su una cosa concordiamo: non si parcheggia in piazza XX Settembre. Dovrebbe valere per tutti, però. Così come andrebbero regolamentate meglio, se non vietate, certe soste lungo corso Matteotti, che creano - quotidianamente - gli stessi disagi alla circolazione ma che, trattandosi di italianissimi aperitivi, non creano sdegno fra le risorse leghiste».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festeggiamenti per il Marocco, il Pd di Castello: «La Lega stimola l’intolleranza»

IlPiacenza è in caricamento