Pd e centrodestra chiedono di aspettare a dare giudizi sul nuovo polo logistico

Il consiglio risponde a distanza a Legambiente. Girometta (Fi): «Dosi 80esimo nella classifica del consenso? È colpa dei suoi collaboratori». E Zucconi (Misto) punzecchia i 5 Stelle: «Ammettete di aver votato alle Provinciali»

Nuovo polo logistico. La proposta divide l’opinione pubblica, meno il consiglio comunale. I consiglieri chiedono infatti di aspettare a dare giudizi: in mano al Comune di Piacenza c’è ancora poco per fare valutazioni e respingere eventuali progetti. I commenti da Palazzo Mercanti sono arrivati dopo le prese di posizione di Legambiente, sia a livello provinciale che regionale. A scuotere il consiglio ci ha pensato Tommaso Foti, Fratelli d’Italia. «Legambiente Emilia-Romagna è intervenuta sulla proposta, che è ancora da chiarire. Rimane da capire se questa istanza è stata presentata: è doveroso illustrare alla luce del sole la proposta, per evitare le critiche di chi parla di speculatori. Verificate la compatibilità della proposta con gli orientamenti, cerchiamo di fare verifiche in tempi brevi perché quando poi entriamo in campagna elettorale si fa solo demagogia e proposte assurde».

 «Mi risulta che fino ad adesso c’è stata solo una richiesta – è la replica del capogruppo Pd Claudio Ferrari -. Gli interventi sulla stampa dicono già “No”, come consiglio comunale non possiamo già esprimerci. Si parla di lavoro». «C’è solo una manifestazione d’interesse – ha risposto il sindaco Paolo Dosi - alla quale abbiamo risposto di ricevere un piano industriale più dettagliato ma non abbiamo ancora ricevuto nulla. Mi dispiace leggere il dibattito su questo pezzo di Piacenza che si basa su un atto che non ha contenuto specifico. Non possiamo manifestare disinteresse ora, siamo in attesa di ricevere i progetti».

GIROMETTA (FI) CRITICA LA GIUNTA

Maria Lucia Girometta (Forza Italia) ha portato in aula la classifica del consenso dei sindaci pubblicata da “Il Sole 24 Ore”, puntando il dito contro lo staff del primo cittadino Paolo Dosi. «Il giornale di Confindustria – ha detto Girometta - parla del gradimento dei sindaci. Mi spiace molto vedere Piacenza all’80esimo posto. Credo che questo gradimento dipenda anche da fatti emotivi delle persone, però anche dall’azione amministrativa. Comunque la Giunta, non tanto il sindaco, quanto i suoi collaboratori, dovrebbero essere meno arroganti, soprattutto con la minoranza. Noi evidenziamo delle cose tramite le mozioni. Se questo gradimento è sceso all’80esimo posto, un motivo è questo. Non è tanto l’immagine del sindaco, che stimo molto, piuttosto i suoi collaboratori. Però un buon capo per fare bene le cose deve scegliere le persone giuste intorno. Forse c’è stato qualche sbaglio in questo».

ZUCCONI (MISTO) CONTRO I GRILLINI

Gugliemo Zucconi (Gruppo Misto) ha chiesto ai 5 Stelle se vogliono aggiungersi al Gruppo Misto, dopo il “balletto” effettuato dal Movimento in Europa. «È vero – ha rincarato la dose chiamando in causa la polemica de IlPiacenza sulle Provinciali - che dopo aver detto che le Province sono enti inutili, siete andati a votare candidati di altri partiti?». «Stiamo bene a casa nostra», gli ha risposto Andrea Gabbiani, glissando però sul voto alle Elezioni dell’ente di via Garibaldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento