Pd: «La riapertura di molte realtà è la strada sbagliata»

I consiglieri comunali dem sulla ripartenza di diverse aziende: «Occorrono vincoli più stringenti, per la sicurezza stessa dei lavoratori. Deve essere la Prefettura ad autorizzare la deroga»

«La salute viene prima di tutto: questo principio, mai in discussione da un punto di vista teorico, deve essere difeso anche nella pratica di tutti i giorni. L'aspetto economico è centrale nella vita di ognuno, ma senza fermare il contagio non sarà possibile far ripartire l’economia». Così intervengono i consiglieri comunali del Partito Democratico di Piacenza Stefano Cugini, Giorgia Buscarini, Christian Fiazza e Giulia Piroli. «I comportamenti irresponsabili o superficiali – proseguono i dem - persino quelli dettati dalla disperazione, provocano un "passo del gambero" che peggiora la situazione in modo drammatico. La nostra città è straziata da una ferita che mai nella Storia si rimarginerà del Gruppo Pd, Piroli Fiazza Cugini Buscarini-2tutto. La gran parte dei piacentini sta facendo sacrifici enormi, rispettando regole severe, giuste e indispensabili. Il volano dell'economia deve riattivarsi il prima possibile. Tuttavia, perché ciò accada, senza il rischio di dover poi bloccare nuovamente tutto causa recidive, dobbiamo dare il tempo agli eroi in trincea di stabilizzare il piano sanitario. Agli artigiani, ai commercianti, alle industrie, ai liberi professionisti, a chiunque produce valore aggiunto per il territorio va la nostra solidarietà e la promessa del massimo impegno per sostenere la ripresa.La riapertura massiva di molte realtà, in nome di un presunto tacito assenso alle richieste di deroga inoltrate alla Prefettura, è però la strada sbagliata».

«Per questo - concludono i consiglieri del Pd - ci appelliamo alle autorità competenti affinché modifichino il punto, nel decreto, che tratta questa possibilità. Eliminandolo. Occorrono vincoli più stringenti, per la sicurezza stessa dei lavoratori. Sia la Prefettura a dover autorizzare la deroga: in assenza di questo "via libera", le attività restino chiuse. Urgono controlli capillari e, se serve all'interesse superiore di un'intera comunità, non ci si astenga dal comminare pesanti sanzioni e chiusure forzate. Piacenza ha la priorità su tutto. Lo dobbiamo tra l'altro alle vittime che già stiamo piangendo e a quelle che ancora dovremo piangere prima che questo incubo finisca».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento