Per Piacenza 316mila euro dalla Regione per gli spettacoli dal vivo

Via libera dalla giunta regionale per il triennio 2016-2018. A Piacenza 316mila euro. La soddisfazione di Katia Tarasconi e Gianluigi Molinari (Pd)

“316mila euro destinati a sette progetti piacentini sono un buon risultato”. Esprimono soddisfazione i consiglieri regionali Pd Katia Tarasconi e Gian Luigi Molinari riguardo all’approvazione da parte della giunta regionale circa l’attuazione del Programma per lo spettacolo dal vivo per il triennio 2016-2018. “La Regione quest’anno ha stanziato 625 mila euro in più rispetto al 2015, per sostenere progetti di teatro, musica e danza in tutta l’Emilia-Romagna – hanno osservato i consiglieri – a testimonianza della crescente attenzione verso innovazione e iniziative culturali per i diversi target di pubblico, dal più giovane al più maturo”.

I più gettonati, per quanto riguarda Piacenza e provincia, sono stati i festival e le rassegne di jazz soul e blues. Nel dettaglio l’associazione culturale Piacenza Jazz club ha ottenuto un contributo di 34mila euro, la Fondazione Val Tidone Musica di Sarmato 21mila euro, 36mila per la cooperativa sociale Fedro per la rassegna “Dal Mississipi al Po”. Per le varie attività di distribuzione e produzione di Teatro Gioco Vita Srl arriveranno 132mila euro; a seguire nella griglia dei soggetti che hanno fatto domanda si trova l’Associazione ITAER, Istituto di Teatro antico Emilia Romagna in merito all’attività del Festival di teatro antico di Veleia. Infine, 16mila euro per Manicomics per la produzione e distribuzione teatro ragazzi e 17mila euro a Sciara Progetti APS di Fiorenzuola d’Arda. Quest’ultimo, in particolare, rientra tra i 19 nuovi soggetti premiati dal bando della legge regionale 13/99 e selezionati su una cinquantina di candidature in tutta la regione. 

“Anche attraverso la risoluzione sulla Siae presentata nei mesi scorsi – spiegano Tarasconi e Molinari – siamo sempre stati sensibili al rilancio dello spettacolo dal vivo nei suoi vari generi che soprattutto nella stagione estiva trova tempi e luoghi per la sua massima espressione”. I progetti, lo ricordiamo, sono stati selezionati per la qualità e l’innovazione e per la capacità di sviluppare collaborazioni e costruire reti a livello regionale. L’istruttoria, realizzata per la prima volta dalla Regione senza il concorso delle Province, ha tenuto conto anche della riconoscibilità dei progetti a livello regionale nei suoi vari settori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento