«Per Vallera il Ministero guidato dal Pd doveva prevedere una deroga»

La Gilda degli Insegnanti controreplica agli esponenti del Pd: "Gli organici degli insegnanti sono stati decisi dalla loro parte politica, non trovino scuse"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

In merito alla replica degli esponenti locali del Pd di Piacenza relativa alla chiusura della Scuola materna di Vallera, facciamo presente che le decisioni relative agli organici delle scuole statali sono un atto unilaterale del governo di cui a loro parte politica è maggioranza. I dati ai sindacati vengono comunicati solo tramite un'informativa preventiva. Trattandosi di una decisione politica che afferisce al Ministero dell'Istruzione che al momento è guidato dal Pd, si dovevano attivare per tempo affinchè i loro capi romani concedessero una deroga ai parametri che la loro stessa parte politica, a livello centrale, ha deciso di applicare, evidentemente tra di loro non si telefonano. Non essendo questioni oggetto di trattativa sindacale, non si capisce quale dialogo dovremmo avere. Inoltre è bene chiarire che la Gilda degli Insegnanti di Piacenza e Parma, per il tramite del coordinatore Salvatore Pizzo, invita a non votare il Pd in tutti i comuni interessati dal voto in quanto esso è il partito che ha voluto una legge contro i docenti chiamandola furbescamente "Buona Scuola", che tutto è tranne che "buona".

Torna su
IlPiacenza è in caricamento