«Piacentini segnalateci quello che non va». In via Alberoni un punto di ascolto del Movimento 5 Stelle

Quagliaroli: non temiamo nessuno, né la destra né la sinistra, siamo convinti del fatto che questa volta siamo noi i protagonisti. Gabbiani: Il movimento non lascia indietro nessuno. E l'altra ala del Movimento lancia la "graticola"

Mirta Quagliaroli e Andrea Gabbini alla presentazione del nuovo punto di ascolto

I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Piacenza hanno inaugurato in via Alberoni, al civico 18, uno spazio dedicato all’ascolto della cittadinanza. «Un luogo aperto a tutti - spiegano i grillini piacentini - e che accoglierà chiunque voglia segnalare le criticità che riscontra quotidianamente o proporre soluzioni alle varie problematiche cittadine».

«In vista delle prossime elezioni amministrative noi consiglieri comunali, accompagnati da attivisti e volontari, accoglieremo tutte le segnalazioni e i suggerimenti per l’elaborazione del programma elettorale e faremo riunioni informative aperte a tutti i cittadini. Vogliamo cambiare questa città e renderla attrattiva e sicura». Il point sarà aperto il mercoledì e il sabato mattina dalle 9,30 alle 12,30.

«Siamo orgogliosi di aver aperto un punto di ascolto per la cittadinanza in un quartiere problematico al centro della città - spiega Mirta Quagliaroli - Si sta formando una bella squadra fatta di persone serie, attente e motivate fuori dalla vecchia politica e come dice Grillo “sconosciute alle procure”. Sono molto fiduciosa in merito alle prossime amministrative, se arriviamo al ballottaggio la città sarà nostra e finalmente dei piacentini. Non temiamo nessuno, né la destra né la sinistra, siamo convinti del fatto che questa volta siamo noi i protagonisti».

«Ben presto - prosegue Andrea Gabbiani - porteremo in questo spazio il materiale che abbiamo in comune con i 250 atti presentati, così da metterli nella disponibilità dei cittadini e del gruppo che sta lavorando per le amministrative in modo da proseguire nel percorso tracciato in questi anni. Abbiamo pensato anche a un numero di telefono e una pagina Facebook proprio per raggiungere tutti. Il movimento non lascia indietro nessuno».

LA "GRATICOLA" DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Alle ore 15 di domenica 5 febbraio il "gruppo di iscritti ed attivisti del m5s cittadino invita la cittadinanza ad incontrare i candidati-sindaci, in via della Resistenza 8.  Nel corso del pomeriggio i candidati si relazioneranno attraverso le modalità previste dalla cosiddetta "graticola" adottata dal m5s. Essa prevede che ogni cittadino che partecipa, possa liberamente rivolgere domande ai candidati. La moderazione del confronto sarà a cura del gruppo che, a partire dal settembre 2016, ha intrapreso un percorso partecipato per la costruzione di una lista elettorale comunale, condividendone il programma di governo. Il gruppo, nel rispetto dei principi del m5s, vuol scegliere il candidato-sindaco nella massima condivisione e partecipazione. Per questo, dopo che la "graticola" avrà consentito un confronto diretto fra i cittadini e i candidati, tutti gli iscritti certificati e residenti nel Comune di Piacenza, saranno chiamati ad esprimere la loro preferenza. Il candidato sindaco espresso attraverso la votazione dovrà poi guidare e coordinare la squadra dei candidati consiglieri nelle fasi successive della campagna elettorale. A tale scopo, è anche stata predisposta una pagina on line,- Verso le Amministrative 2017, per Piacenza,- ove postare criticità, o suggerimenti per aiutare dal basso i candidati, a costruire un programma utile ai cittadini di Piacenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento