rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
L'iniziativa dell'assessore

Sarà praticamente impossibile ospitare in città circhi con animali

La Giunta vara un regolamento, fissando “paletti” stringenti, per rendere complesse le domande. Il centrodestra: «I circhi faranno ricorso». ApP: «Bizantinismi, manca il coraggio di vietarli direttamente». L’assessore Groppelli: «Questo è il modo più efficace»

«Vogliamo evitare che si sfruttino animali nei circhi. Per questo abbiamo pensato ad nuovo regolamento che renda inospitale Piacenza per loro. Diventerà più ostico fare richiesta per gli spettacoli viaggianti che hanno animali». Così Serena Groppelli, assessore alla tutela degli animali, ha presentato il nuovo regolamento per la “concessione delle autorizzazioni all’esercizio delle attività di spettacolo viaggiante e circensi con animali al seguito”. Si tratta di una novità per il Comune di Piacenza, frutto di un confronto con alcune associazioni animaliste, che in passato nella nostra città polemizzarono con l’impiego di animali in alcuni noti spettacoli circensi di passaggio.

Diversi i paletti che di fatto rendono verosimilmente impossibile presentare la richiesta all’ente. Infatti un circo con animali potrebbe chiedere di organizzare in città uno spettacolo esclusivamente dal 1° ottobre al 10 dicembre, presentando domanda con almeno un anno di anticipo, per una presenza non più lunga di venti giorni, comprendendo anche i tempi per il montaggio e smontaggio delle strutture.

Ma non è finita qui. «Stabiliamo inoltre - spiega l’assessore - che serve un medico veterinario 24 ore su 24 al seguito, o presente sul territorio ma che li segua sempre. Chiediamo inoltre un deposito cauzionale da 5mila euro per un tendone da mille posti a sedere e fino a 25mila euro per 5mila posti a sedere. E per ulteriori due anni lo stesso circo non si può tornare a Piacenza».

Un altro paletto curioso fissato dalla Giunta è il seguente: non si può avere un solo elefante, ma devono essere almeno due. Come mai? «Sappiamo che pochissime realtà italiane dispongono di due elefanti nello stesso circo», ha precisato Groppelli. Mentre i rettili risultano già vietati dal regolamento di polizia urbana.

IL DIBATTITO

Le minoranze non hanno granché apprezzato la mossa della Giunta e scelto la strada dell’astensione, senza eccezioni, nelle commissioni 1 e 3. «Non mi piace neanche un po’ che un ente pubblico - è il commento di Stefano Cugini (ApP) - s’inventi di rendere la vita difficile ad altri per cercare un obiettivo. Lo vedo come una mancanza di coraggio politico, si chiede alla parte tecnica di rendere farraginoso un percorso. Aumenterà il carico di lavoro degli uffici e ci sarà un forte rischio di ricorsi. Questi bizantinismi sono una sconfitta della politica».

«Non è mancanza di coraggio - ha risposto l’assessore Groppelli - è che mancherebbero i risultati. Tutti i comuni che hanno vietato i circhi per animali hanno poi perso al Tar. Siamo contrari ai circhi con animali, da sempre, non lo abbiamo mai nascosto. Questo è un modo pratico per arrivare ad un risultato».

«Qualcosa di concreto andava fatto - ha rilevato Claudia Gnocchi (Civica Tarasconi) - apprezzo lo sforzo dell’Amministrazione. Però ha ragione Cugini, servirebbe una cartellonistica adeguata per segnalare la presa di posizione della nostra città. Il Consiglio comunale chieda al Governo di fare qualcosa per vietarli direttamente».

«Non stiamo centrando l’obiettivo - è il parere di Patrizia Barbieri (Civica Barbieri) - e questo regolamento sarà impugnabile. Questa non è una soluzione, si metteranno in difficoltà il Comune e gli uffici. La frase che ha detto Groppelli all’inizio della seduta è la peggiore possibile, è un invito a nozze per chi farà ricorso. Non si può creare una norma per rendere impossibile l’esercizio di una attività».

«Dovremmo semplificare le procedure - ha preso la parola anche Nicola Domeneghetti (Fdi) - non complicarle. La dichiarazione manifesta di mettere “i bastoni tra le ruote” mi rende perplesso». «Non abbiamo mai negato di essere contro i circhi con gli animali - la replica dell’assessore -, quindi ci proviamo con ogni strumento a disposizione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarà praticamente impossibile ospitare in città circhi con animali

IlPiacenza è in caricamento