Piacenza Expo, Scarpa: «Analizzare i problemi e non confondere i ruoli»

Nei giorni scorsi Piacenza Expo ha approvato il bilancio 2015, che vede una perdita di 440mila euro. Il commento di Federico Scarpa

«Apprendiamo – scrive in una nota Federico Scarpa del Consorzio Co.Sil - il risultato parzialmente negativo del bilancio di Piacenza Expo ma nello stesso tempo riconosciamo il lavoro egregio svolto dal Consiglio di Amministrazione. Riteniamo corrette le impostazioni del Presidente Manfredini quando dice “La Società potrebbe crescere ulteriormente se il sistema imprenditoriale locale investisse maggiormente in quelle fiere industriali che puntano a dare visibilità alle filiere eccellenti del nostro territorio: Tubitaly e Tomato World, ad esempio, sono due manifestazioni che possono svilupparsi, attraendo visitatori qualificati tramite mirate attività di incoming, come avvenuto positivamente per l’ultima edizione di Tubitaly.” Tuttavia il Presidente si dimentica di evidenziare, come abbiamo più volte sollecitato in incontri pubblici, i problemi di criticità che hanno portato l’attuale situazione di Piacenza Expo. Abbiamo da tempo elencato dieci punti a cui occorre dare risposta partendo da un incontro franco e serrato con l’Associazione Industriali, Camera di Commercio, e con gli Istituti di credito che detengono l’assoluta maggioranza delle azioni di Piacenza Expo; con loro occorre determinare con accuratezza alcune linee guida atte al conseguimento delle proposte di cui sopra.

A fronte di tutto questo ci sembra riduttivo parlare di riduzione di personale come un vanto di buona amministrazione occorre invece un rilancio di una gestione sia numerica sia qualitativa di personale motivato e coinvolto nella scelte dell’ente. Purtroppo non abbiamo visto nella relazione del Presidente e negli interventi successivi, nessun riferimento al recente accordo siglato tra il Comune di Piacenza e Autorità Portuale di Spezia, accordo questo che se opportunamente gestito potrebbe dare la svolta decisiva per il rilancio definitivo di Piacenza Expo, nessuna menzione e questo è ancor più grave che il Comune di Piacenza e che il Porto di Spezia hanno nominato una commissione tecnica scientifica che dovrà predisporre per il 26 e 27 ottobre 2016 un convegno a livello Europea articolato in due giornate avente per oggetto trasporti e logistica mettendo in risalto problemi e soluzioni in collegamento con le due realtà economiche abbinata a temi nazionali. La commissione è composta dal Comune di Piacenza rappresentato dal Presidente dott. Manfredini, dall’Autorità Portuale di Spezia rappresentata dall’ing. Montaresi e il Consorzio Servizi Infrastrutture e Logistica Piacenza  rappresentato dal Presidente Federico Scarpa. Il Presidente di questa commissione è l’ing. Montaresi che rappresenta l’Autorità Portuale di Spezia.

Non vorremmo che queste dimenticanze potessero creare problemi a quanto siglato tra le parti. Alla commissione che si riunirà a breve, il sottoscritto richiederà impegni precisi da ambo le parti a garanzia di quanto sottoscritto a suo tempo. Ma voglio qui sottoporre alla attenzione dei lettori la presa di posizione del Segretario Generale della Camera di Commercio dottor Alessandro Saguatti, il quale in una sua esposizione, si è permesso di criticare chi a suo tempo aveva preso in considerazione la stima del patrimonio immobiliare della società. Altra cosa molto grave, è che si permette di anticipare le difficoltà che potrebbero incontrare i futuri acquirenti a fronte di una situazione (secondo lui) molto critica di Piacenza Expo. Credo che queste considerazioni non spettino in prima persona al Dott. Saguatti, ma al Presidente, alla Giunta e se permettete all’intero Consiglio Camerale. Strano il silenzio sulle dichiarazioni del Dott. Saguatti il quale sembra che a Piacenza Expo faccia il bello e il cattivo tempo; mi spiace che il Presidente Manfredini lasci invadere la sfera politica e propositiva di competenza sua e del Cda».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento