Piacenza-Sarajevo, il gemellaggio per un progetto di pace

Piacenza, Italia, Sarajevo. E’ un progetto di pace, “memoria e consapevolezza” quello che l’onorevole Marco Bergonzi (Pd) sta portando avanti in questi mesi sull’asse Piacenza-Balcani.

Bergonzi e l'ambasciatore italiano Nicola Minasi

Piacenza, Italia, Sarajevo. E’ un progetto di pace, “memoria e consapevolezza” quello che l’onorevole Marco Bergonzi (Pd) sta portando avanti in questi mesi sull’asse Piacenza-Balcani.  Gemellaggio delle municipalità, incentivare i viaggi della memoria degli studenti piacentini attraverso la preziosa opera dell’Istituto di storia contemporanea di Piacenza e “l’obiettivo condiviso di pace”, spiega il parlamentare, di vedere il Comune di Piacenza gemellato con la città di Sarajevo, “luogo di incontro di culture, di pace, convivenza e tolleranza” scrive in una nota. “E’ molto importante che l'amministrazione comunale di Piacenza condivida e faccia propria la proposta di gemellaggio, e ringrazio il sindaco Patrizia Barbieri per la sensibilità su un tema che unisce, al di là delle appartenenze politiche, la nostra città con il luogo simbolo del XX secolo” spiega Bergonzi. Sarajevo: con l'omicidio dell'arciduca austriaco Francesco Ferdinando iniziò nei Balcani la prima guerra mondiale, “e lì è finito il XX secolo, come recita la scritta che campeggia in prossimità del tunnel che, durante i 3 terribili anni di assedio, veniva utilizzato per fughe rocambolesche e per far entrare gli aiuti umanitari in una città allo stremo” aggiunge l’onorevole democratico che più volte si è recato in viaggio, “non in missione”, sottolinea, nei Balcani.

Piacenza, pur indirettamente, sentì il coinvolgimento in quella guerra, con i Tornado tedeschi che parteciparono alla forza d’intervento rapida nell'ex Jugoslavia a San Damiano, con 600 militari al seguito. Ma i “perché” di questa iniziativa di Bergonzi sono altri, e più profondi: “Nei prossimi giorni prenderò contatto con l'Ambasciatore italiano a Sarajevo per sviluppare i contatti con le autorità locali e intraprendere, in coordinamento con il Comune, il percorso verso il gemellaggio. Il fatto poi, che grazie all’impegno di Marzio Dallagiovanna, il segretariato permanente dei premi Nobel per la Pace abbia trasferito la propria sede a Piacenza è evidentemente in particolare sintonia con questo gemellaggio”. Da consigliere della Provincia di Piacenza Bergonzi ha accompagnato diverse volte gli studenti piacentini nei “viaggi della memoria”. E oggi, da parlamentare, ringrazia l’Istituto di storia contemporanea e la direttrice Carla Antonini, perché gli studenti piacentini, nel 2018 si recheranno a Sarajevo, luogo simbolo dei Balcani.

“E’ un’iniziativa di grande rilievo, che necessita di essere sostenuta, per questo faccio appello ai Comuni piacentini, quantomeno a quelli più grandi, perché contribuiscano, in modo da favorire la partecipazione degli studenti: è importante, saranno cittadini più consapevoli e domani saranno cittadini migliori. “Il 28 gennaio – anticipa Bergonzi - incontrerò l’ambasciatore italiano e il sindaco di Sarajevo, e con loro affronteremo questi percorsi di pace e consapevolezza che devono vedere Piacenza al centro della scena”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento