«Piacenza suggerisca alla Regione di rivedere il divieto di circolazione dei diesel euro 4»

L’intervento del consigliere comunale di Forza Italia Michele Giardino

Michele Giardino (Forza Italia)

«Le leggi arbitrarie – interviene così Michele Giardino, consigliere comunale di Forza Italia - Piacenza possono essere abolite o modificate per mezzo di una legge espressa che le abroghi o le moderi, oppure per un lungo uso che le cambi o le abolisca. Per dirla con Giustiniano, le leggi devono essere sorrette dal “tacito consenso del popolo”. La norma imposta dalla Regione Emilia-Romagna a tutti i Comuni con oltre 30.000 abitanti – e quindi alla quasi totalità dei cittadini che in essa risiedono, lavorano, studiano, vivono – che vieta la circolazione delle auto diesel Euro 4, è arbitraria. E lo è tanto più se si considera che l’Emilia-Romagna ha deliberatamente deciso di anticipare di ben due anni quanto concordato insieme a Ministero dell’Ambiente e Regioni Lombardia, Piemonte e Veneto nel Nuovo Accordo di Bacino Padano: cioè che la limitazione ai diesel Euro 4 sarebbe dovuta partire entro il 1 ottobre 2020.

Non è in discussione il buon proposito di combattere l’elevato tasso di inquinamento che sta affliggendo la Pianura padana. Ciò che va temperato è l’integralismo della decisione che ha messo da un giorno all’altro in grave difficoltà cittadini, famiglie, lavoratori e aziende.  Gli automezzi diesel Euro 4 sono stati acquistati pochi anni fa e c’è chi sta ancora pagando le rate del prestito. Sostituire un’automobile o un veicolo commerciale è un’operazione tutt’altro che semplice, a dispetto di chi ha approvato questo Piano Aria Integrato Regionale (PAIR) 2020. Non solo. Il blocco degli Euro 4 costituisce un provvedimento inutilmente penalizzante per gli emiliano-romagnoli, considerando che nelle altre regioni firmatarie dell’Accordo tale restrizione non è stata e non sarà adottata se non fra due anni. Il Comune di Piacenza ha indubbiamente ottemperato a un obbligo di legge. È di oggi la notizia che qualche comune ribelle (Granarolo, Castenaso) ha deciso di concedere una deroga per i mezzi Euro 4 in questione.  Il Comune di Piacenza dovrebbe attivare i giusti canali, anche attivando un fronte di Comuni contrari alla misura, per indurre la Regione a ripensare questa sciagurata decisione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento