Piacenza, Vinci (Ln): «Pd boccia mozione su presepe, è partito di Giuda»

Gianluca Vinci, neosegretario di Lega Nord Emilia: «E' un Pd di Giuda dove, anche l'ala cattolica, abdica a se stessa. A Piacenza assessori non si fanno scrupoli ad autorizzare l'insegnamento della masturbazione a scuola - come accaduto a marzo con il progetto "Viva l'amore" - e di fronte al presepe si scandalizzano»

«In consiglio comunale, a Piacenza, il Pd boccia la mozione Lega Nord sul presepe nelle scuole. Tra i consiglieri contrari anche un insegnante di religione. Robe da matti. La sinistra sta sviluppando l'allergia ai segni della nostra identità. A forza di cancellarne i simboli il Pd si sta trasformando in un partito talebano e intollerante»: così il neosegretario della Lega Nord Emilia Gianluca Vinci, all'indomani della bocciatura - per mano della maggioranza Pd del Comune di Piacenza - della mozione del consigliere comunale leghista Massimo Polledri, che intendeva impegnare la giunta a sollecitare tutti i dirigenti scolastici del territorio a esporre il presepe e i simboli del Natale. Vinci annuncia la presentazione di «Atti analoghi in tutti i consigli comunali dell'Emilia per la tutela delle radici cristiane. Sul presepe non si discute».

«E' un Pd di Giuda dove, anche l'ala cattolica, abdica a se stessa. A Piacenza assessori non si fanno scrupoli ad autorizzare l'insegnamento della masturbazione a scuola - come accaduto a marzo con il progetto "Viva l'amore" - e di fronte al presepe si scandalizzano. Un consigliere Pd - che di professione è insegnante di religione - forse preferisce sostituire il presepe con le bandiere perché la Natività la giudica, evidentemente, eccessivamente divisiva. E' un partito che rinnega se stesso e che - di questo passo - ci sta conducendo al suicidio culturale e storico. La Lega si conferma l'unico partito autenticamente laico. Di fronte all'invasione di immigrati, e al pericolo dell'integralismo islamico, se non teniamo fermi i punti cardine della nostra identità rischiamo di diventare una colonia musulmana. Si rischia una Lepanto culturale con la vittoria, questa volta, degli Ottomani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento