Pieve Dugliara, Lega Nord: «Calza si prende meriti che non ha»

«Il consigliere provinciale e sindaco di Gragnano del Pd Patrizia Calza per l'ennesima volta mette il cappello su una nostra conquista. Sia ben chiaro: i lavori per sistemare la pericolosa curva della provinciale di Pieve Dugliara inizieranno grazie alla pianificazione operata dal centrodestra»

«Il consigliere provinciale e sindaco di Gragnano del Pd Patrizia Calza per l’ennesima volta mette il cappello su una nostra conquista. Sia ben chiaro: i lavori per sistemare la pericolosa curva della provinciale di Pieve Dugliara inizieranno grazie alla pianificazione operata dal centrodestra».  A sottolinearlo è la sezione di Rivergaro della Lega Nord, che specifica: «Il cantiere in questione, che consiste nell’allargamento della carreggiata, è stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche, in fase di approvazione del bilancio consultivo nel dicembre 2013, per espresso volere dei consiglieri leghisti».

«Non è la prima volta che una nostra vittoria viene sbandierata davanti ai riflettori da qualcun altro - prosegue la nota -. Già l’anno scorso, in seguito all’annuncio della messa in sicurezza del pericoloso incrocio di San Nicolò (Rottofreno), con la realizzazione della rotonda nella località Bonina, altri amministratori si definirono promotori dell’iniziativa, ignorando il fatto che fosse frutto di un ordine del giorno del Carroccio. Oggi succede la stessa cosa: i cittadini è bene che sappiano che il tratto stradale di Pieve Dugliara sarà più sicuro grazie alla Lega Nord e al consigliere provinciale Maloberti, il quale ne ha fatta una priorità, abitando la zona e conoscendo i problemi che comporta per i residenti. La Calza, con l’opera pubblica di Pieve Dugliara, adotta lo stesso sistema della Bonina, prendendosi dei meriti che non ha. Se avesse voluto impegnarsi per il territorio e risolvere l’emergenza legata a quella curva, avrebbe potuto farlo da assessore ai lavori pubblici della giunta Boiardi. Era un periodo in cui le province non erano soggette ai tagli inflitti dai governi non eletti Monti e Letta, eppure in corso Garibaldi si assistette ad un totale immobilismo. Detto ciò - conclude la sezione rivergarese della Lega Nord -, il nostro impegno per garantire servizi migliori ai piacentini non si ferma, nonostante i nostri sforzi siano spesso sfruttati dagli altri partiti per conquistare voti prendendo in giro gli elettori. Ricordiamo alla Calza, come dice il famoso proverbio, che “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”, visto che sui giornali si vanta d’aver pensato per prima a tale intervento. Peccato non abbia mai fatto nulla di concreto per metterlo in pratica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento