Pinotti: «San Damiano verrà valorizzato, non ospiterà profughi»

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ospite alla Festa provinciale del Pd a Sant’Antonio

Con l’arrivo dell’ospite clou della tre giorni, va in archivio la Festa provinciale del Partito Democratico, organizzata in questa edizione alla coop di Sant’Antonio. Il ministro della Difesa Roberta Pinotti è intervenuta, domenica 3 settembre, alla festa piacentina, intervistata da Beppe Boni del Resto del Carlino davanti a un buon numero di uditori. «Il Governo sul fronte "nuovi sbarchi" – ha detto Pinotti ai cronisti - ha messo in campo una serie di azioni che stanno funzionando: ora vogliamo che si consolidino. C’è un dialogo con le Ong e con le città della Libia. Si sta lavorando con la Guardia costiera libica per controllare i loro confini marittimi e forniamo mezzi navali importanti. Sono coinvolti più dicasteri del Governo. La Libia era una nazione fuori controllo, ora vuole riprendere la sua capacità di governo. La situazione là è ancora fragile, ma l’obiettivo è comune: sconfiggere la rete degli scafisti che ha lucrato su questa situazione. E bene che l’Europa ora ci sta aiutando. Anche l’Onu sta dando mano. Questa strategia a 360 gradi quest’estate sta dando risultati importanti».

Pinotti è concentrata anche su quanto sta avvenendo in Corea del Nord: il regime continua a testare la sua forza militare. «Alcuni mesi fa sono stata in Giappone - ha dichiarato - e ho registrato la grande preoccupazione dei paesi asiatici. C’è una richiesta alla comunità internazionale per un accordo di immobilizzazione. È un tema che non riguarda solo Giappone e Corea del Sud, questi test nucleari mettono in allarme tutto il mondo. Dobbiamo inasprire le sanzioni, gli appelli ad oggi non stati ascoltati. Questi incidenti creano fibrillazione in tutto il mondo».

Il ministro è stata interrogata anche sulla questione San Damiano, aeroporto dell’Aeronautica del piacentino in dismissione. «C’è stato un lavoro intenso dietro alle tante aree militari e demaniali d'Italia in dismissione, Roberto Reggi è il responsabile dell’Agenzia del Demanio e conosce bene questa città. Abbiamo trasferito l’aeroporto a Ghedi (Brescia) ma San Damiano è comunque importante e strategico per noi, ma solo in parte. Sono comunque ancora coinvolte 300 persone». Potrebbe ospitare profughi? «C’è la massima disponibilità per raccogliere le idee del territorio per valorizzare San Damiano. La gestione di dove mettere i migranti viene gestita dalle autorità locali, non c’è nessuna nostra indicazione per una proposta di questo tipo. Non sono decisioni calate dall’alto. Tutte le volte che ho un immobile vuoto mi viene fatta questa domanda, ma qua nessuno mi ha proposto l’idea di ospitare profughi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento