Turbolenze in Medio Oriente. Pollastri: «La Regione dia un segnale rafforzando le relazioni con Israele»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

“Incrementare i legami con Israele”, lo chiede, con un’interrogazione, Andrea Pollastri (PdL). “Nell’ambito delle proprie competenze e come previsto espressamente dallo Statuto – spiega – la Regione promuove intese di carattere internazionale con Regioni, Enti ed Istituzioni straniere, ma anche con altri Stati, con due obiettivi di fondo: la cooperazione e l’aiuto alle popolazioni più povere e la costruzione, con i Paesi più sviluppati, di interscambi di carattere commerciale, turistico, formativo e di ricerca a vantaggio del nostro tessuto economico.”

“In questo secondo filone si collocherebbe – prosegue – la cooperazione con Israele che già altre Regioni italiane stanno rafforzando: con il suo elevato livello di benessere, infatti, lo Stato ebraico rappresenta un potenziale mercato per imprese industriali e turistiche italiane. Inoltre i grandi investimenti in ricerca lo rendono appetibile da Università e centri studi emiliano-romagnoli. Anche dal punto di vista della sanità il Paese mediorientale è assolutamente all’avanguardia e ne rappresenta un’eccellenza, potrebbero quindi nascere interessanti scambi.”

“Agli aspetti di carattere strategico – sostiene ancora il Consigliere – si aggiungono quelli ideali: esiste una storica amicizia tra il nostro Paese ed Israele, costruita negli ultimi decenni, all’insegna del sostegno alla democrazia e alla pace nel Mediterraneo.”

“Dopo che negli ultimi dieci anni guerre e rivoluzioni hanno cambiato il volto del Medioriente e del Nordafrica – afferma ancora – il quadro odierno è all’insegna dell’instabilità e della crescita del fondamentalismo, che rischia di interessare anche l’Occidente, dove, dall’11 settembre 2001 in poi, si susseguono minacce ed attentati. Anche negli ultimi giorni il pericolo di una guerra in Siria i cui effetti potrebbero essere dirompenti per l’intera area, ma non solo, e gli accorati appelli, tra cui quello autorevole di Sua Santità Papa Francesco, per la pace, richiamano tutte le Istituzioni ad una presa di coscienza della drammaticità della situazione e a dar vita ad atti, anche simbolici, che diano un chiaro segnale in tal senso.”

“Chiedo quindi alla Giunta – chiosa Pollastri - se vi siano in atto forme di cooperazione tra la Regione Emilia-Romagna ed Israele, invitandola, in caso negativo, a valutare la possibilità di costruire possibili legami e dare vita a scambi nei settori di maggior interesse reciproco.”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento