Spettacoli notturni e diritto al riposo, Pollastri: «Un marchio per garantire il rispetto di tutti»

Il consigliere suggerisce alla Regione di adottare accorgimenti come il marchio “Buena Movida”, già sperimentato a Genova. Pollastri: «Bisogna incoraggiare le attività commerciali che fanno eventi musicali e culturali nel rispetto del diritto al riposo dei cittadini»

Andrea Pollastri

«L’eterno dilemma – spiega Andrea Pollastri, consigliere regionale di Forza Italia - tra la necessità e la voglia di rianimare i centri storici e i paesi con iniziative di intrattenimento pubblico all’aperto, in particolare nei mesi estivi, e il giusto diritto al riposo da parte di chi abita in quelle aree potrebbe trovare una soluzione adottando anche in Regione Emilia-Romagna accorgimenti come il marchio “Buena Movida”, che pare funzionare bene a Genova».
Pollastri invita la Giunta, tramite un’interpellanza, ad adottare questa iniziativa, che mira a «incoraggiare le attività commerciali che fanno eventi musicali e culturali nel rispetto del diritto al riposo dei cittadini». A Genova, si legge, le associazioni di Consumatori, tra cui Assoutenti e Adoc, in collaborazione con le associazioni di Quartiere aderenti alla Federazione Associazioni Comitati Centro Storico hanno promosso il marchio “Buena movida”, al fine di incoraggiare le attività commerciali che fanno eventi musicali e culturali nel rispetto del diritto al riposo dei cittadini” e il consigliere Pollastri chiede se la Giunta “di comune accordo con le Associazioni che rappresentano il commercio, il tempo libero, l’intrattenimento, intenda promuovere su scala regionale il marchio “Buena movida” e favorire la stipula di convenzioni tra Enti Locali ed Associazioni/esercizi privati per favorire la coesistenza tra iniziative di intrattenimento ed il rispetto dei cittadini».
Inoltre, il rappresentante di Forza Italia chiede «se si ritenga di far conoscere e pubblicizzar le buone pratiche che vengono adottate in questo ambito e se si ritenga adeguata la normativa in vigore per quanto riguarda i limiti orari e volumetrici delle emissioni sonore notturne”, atteso che, specialmente in questi mesi estivi, sono tante le lamentele e i contasti che oppongono cittadini e villeggianti con gli organizzatori di spettacoli musicali e feste (Pro Loco, commercianti e Amministrazioni Comunali)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento