Polledri: “Un grande piano di prevenzione culturale per spiegare gli effetti degli stupefacenti”

“L’elevato numero di arresti per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti effettuati nell’ultimo anno a Piacenza è preoccupante, soprattutto per le nuove generazioni. Le proposte in Parlamento volte a depenalizzare, o addirittura legalizzare, seguono una linea di accettazione che non favorisce il futuro dei nostri giovani. Il confine tra il centrodestra e il centrosinistra passa anche attraverso questi comportamenti. Alterazione comportamentale, stato di apatia, appiattamento morale, danni alla personalità: sono queste alcune delle conseguenze che andrebbero spiegate in tutte le scuole attraverso un piano di prevenzione culturale volto ad informare sugli effetti dannosi e irreversibili che provocano queste sostanze, invece di pensare alla teoria del gender. In questi giorni, pochi hanno sottolineato il nesso tra l’omicidio di Pontelangorino e l’uso di cannabinoidi da parte dei due ragazzi minorenni. Il Comune si era impegnato, con l’approvazione della mia mozione, in un piano straordinario di contrasto. Come sottolinea anche il comandante provinciale dell’Arma, la fragilità sociale è evidente. Bisogna lavorare con i giovani sulla prevenzione”. Commenta Massimo Polledri, capogruppo Lega Nord al consiglio comunale di Piacenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento