Ponti sul Po, Piccinini: «Lavori esclusi dalle priorità del ministro De Micheli»

La consigliera regionale del Movimento 5 Stelle: «La Regione chieda l’immediato reinserimento»

Paola De Micheli

«L’esclusione della messa in sicurezza e della manutenzione dei ponti sul Po, al confine tra Emilia-Romagna e Lombardia, dal Piano delle infrastrutture prioritarie messo a punto dal ministro De Micheli rischia di aggravare ancor di più una situazione molto critica che più volte abbiamo denunciato negli anni scorsi. Per questo la Regione crediamo debba richiedere a gran voce, magari assieme alla Lombardia, un intervento immediato per garantire a chi vive al confine tra le due regioni una mobilità degna di questo nome». È quanto chiede Silvia Piccinini, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, attraverso un'interrogazione riguardo al mancato inserimento all'interno del “Piano delle infrastrutture e dei trasporti per un'Italia ad Alta velocità ferroviaria, aerea e marittima”, presentato dalla Ministra delle infrastrutture e dei trasporti De Micheli, degli interventi relativi all'adeguamento, al potenziamento o al rifacimento dei ponti sul Po.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come abbiamo ribadito più volte in passato si tratta di infrastrutture che da tempo presentano criticità e interruzioni, rendendo molto difficoltosa e in diversi casi pericolosa la circolazione fra le due rive dell’asta fluviale e la mobilità fra località emiliane e lombarde – spiega Silvia Piccinini – Noi riteniamo, invece, che sia assolutamente indispensabile porre al centro di questi interventi l’esigenza di riqualificare e mettere in sicurezza quel patrimonio infrastrutturale. Per questo chiediamo alla Regione di intervenire per chiedere alla ministra De Micheli di porre rimedio a questa grave dimenticanza. Il potenziamento delle strutture esistenti e l'assicurazione di una manutenzione costante nel tempo devono essere messi in cima agli interventi inseriti nel piano delle infrastrutture che riguardano l'Emilia-Romagna, ancor prima della realizzazione di opere inutili e dannose per l'ambiente come per esempio l'autostrada regionale Cispadana». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento