Porta Borghetto, le transenne abusive sono state rimosse

Dagnino (5 Stelle): «Dopo due anni ce l’abbiamo fatta, ora pensiamo alla pulizia». L’assessore Opizzi: «Doveva intervenire l’ufficio manutenzione ma ci ha pensato l’urbanistica»

«Dopo quasi due anni di segnalazioni ce l'abbiamo fatta. Può sembrare cosa di poco conto, ma invece ci sono voluti interrogazioni e articoli di giornale. Ora magari facciamo anche pulizia…». Sergio Dagnino, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, si dice soddisfatto di quanto ha fatto il Comune di Piacenza nell’area di Porta Borghetto, transennata senza motivo da qualche tempo. L’assessore all’urbanistica Erika Opizzi aveva risposto nelle scorse settimane a Dagnino sull’anomala presenza delle transenne: sarebbe stato qualche cittadino a piazzarle, senza alcun consenso da parte del Comune. Sulla questione Dagnino ha incalzato più volte l’Amministrazione, ricordando anche l’impegno che si era presa, anche quando ha presentato le sue dimissioni da vicepresidente del Consiglio comunale. Su Facebook la recinzione di Bastione Borghetto-2l’assessore Opizzi precisa anche di chi era la competenza delle transenne abbandonate e mai rimosse per due anni, evidenziando ancora una volta le difficoltà di comunicazione e collaborazione tra la Giunta e alcuni uffici del Comune. «La questione è stata ignorata e rimbalzata da un ufficio all’altro per un anno e mezzo e con due dipendenti mi sono recato a toglierli in questi giorni, sotto l’acqua. Per la cronaca, doveva intervenire la manutenzione. Mi sono stufata di chiedere e ricevere vaghe risposte. So solo che chi fa da se fa per tre. E così ho fatto».

Bastione Borghetto-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • «Su Tik Tok combatto il bullismo: la vita è più importante di chi ci odia perché diversi»

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • In tre per vendicare la tentata violenza all'amica

Torna su
IlPiacenza è in caricamento