menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Possibile”: «Il Comune sub-appalta alla Chiesa i servizi educativi»

«Il protocollo di intesa tra amministrazione comunale e diocesi di Piacenza, firmato ieri dal sindaco Barbieri e in prima pagina su tutti i media locali, appare preoccupante nei metodi e nel contenuto. Sembra ormai anacronistico, ma tristemente necessario, ricordare nel 2019 che le istituzioni pubbliche dovrebbero sempre rispettare i principi di laicità dello Stato e libertà religiosa sanciti dalla Costituzione Italiana. Riteniamo, in particolare, completamente fuori luogo l’affidarsi a enti gestiti da un particolare ordine religioso per realizzare servizi socio-educativi rivolti ai giovani. Sarebbe invece compito primario del Comune stesso sviluppare questi servizi educativi, per prevenire abbandono scolastico e disagio giovanile, e creare luoghi di aggregazione sicuri, laici e aperti a tutti per i ragazzi piacentini. Questa amministrazione comunale si è invece distinta fin dal suo insediamento in un’opera di smantellamento dei centri di aggregazione e culturali preesistenti, a cominciare dal de-finanziamento di Spazio 2, Spazio 4 e Spazio Belleville. La giunta comunale deve inoltre fornire spiegazioni sul perché, se ha valutato efficace esternalizzare parte dei servizi socio-educativi a realtà esistenti sul territorio, finanziandole con ventimila euro annui, non abbia emanato un bando di gara aperto a tutte le associazioni, laiche e religiose, pubbliche e private, operanti sul territorio, in modo da garantire il rispetto di requisiti minimi nello svolgimento del servizio, in particolare di apertura verso tutti I ragazzi residenti in città senza alcuna forma di discriminazione e di garanzie sulla sicurezza degli utenti e la professionalità degli operatori. Da una giunta di destra ci saremmo per lo meno aspettati il rispetto per il principio di libera concorrenza, nel momento in cui si devono assegnare fondi pubblici, provenienti dalle tasse dei piacentini. Evidentemente anche questo si ferma nella città di Piacenza di fronte al monopolio della Chiesa Cattolica»

Piacenza Possibile Comitato locale di Possibile, partito fondato da Giuseppe Civati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino, a Piacenza in arrivo quasi 54mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento