Primo Sant'Antonino per Barbieri: «Faremo ripartire la macchina comunale»

Patrizia Barbieri

«Non è certo un momento facile quello che stiamo attraversando. E' una situazione impegnativa che stiamo affrontando con tutti i mezzi che abbiamo», lo ha dichiarato il neo sindaco Patrizia Barbieri, a poche ore dalla fiera del patrono della città.  «C'è tanta gente che lavora e lavora bene. Chi sbaglia deve pagare. Ora dobbiamo tutti fare un grande sforzo per far ripartire la macchina comunale», prosegue il primo cittadino facendo riferimento allo scandalo dei "furbetti" del cartellino: 50 dipendenti comunali indagati a vario titolo. «La fiera di Sant'Antonino è un momento di festa e di condivisione, un'occasione per ripartire con tanto entusiasmo per dare finalmente ai piacentini le risposte che vogliono. Abbiamo garantito la sicurezza e lo svolgimento dell'evento con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione», ha concluso. 

Barbieri, come da tradizione, effettuerà un sopralluogo tra gli stand della manifestazione nella mattinata di martedì 4 luglio, prima di prendere parte alla celebrazione religiosa della festività patronale e alla cerimonia di consegna dell’Antonino d’oro, assegnato quest’anno a monsignor Giorgio Corbellini. L’itinerario del neo sindaco tra le bancarelle partirà alle 9.30 nei pressi della statua di Sant’Antonino, in piazzale Genova. Alle 11, presso la basilica patronale, la messa solenne presieduta dal vescovo, monsignor Gianni Ambrosio, con la rituale offerta del cero in onore del Santo e la consegna dell’Antonino d’oro a monsignor Corbellini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento