rotate-mobile
Politica Gossolengo

Profughi a Caratta, Salvini sul posto. Fabbri: «Anche i sindaci Pd sono con noi»

Il segretario federale ha visitato la frazione di Gossolengo, dove la prefettura pensa di alloggiare alcuni profughi

Una trentina di profughi inviati in una frazione di circa 30 abitanti. «Ma che follia è questa?». Lo ha detto il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini questa mattina a Caratta di Gossolengo, a presidio davanti a una casa indicata come ennesimo alloggio riservato a immigrati, in piena campagna. «Mancano i collegamenti, appare strano anche che i locali riescano a ospitare così tanti clandestini», hanno contestato alcuni residenti della zona. E Alan Fabbri, candidato alla presidenza della Regione per Lega Nord, Forza Italia e Fd’I, questa mattina sul posto con Salvini: «Il Pd si smarca, fiutando l’esasperazione della gente, ma la colpa di questa situazione è tutta del partito democratico che ha voluto e sostenuto Mare Nostrum. Inutile che, in campagna elettorale, per paura di perdere voti, facciano i finti tonti». Quanto alle affermazioni del sindaco Pd di Gossolengo, che ha definito “demenziale” la scelta della prefettura, Fabbri risponde. «E’ la dimostrazione che tanti amministratori comunali del partito democratico la pensano come la Lega. Dovrebbero prendersela con i loro compagni di partito che a Roma hanno votato e sostengono Mare Nostrum, operazione che, nonostante i proclami di Alfano, continua. Dobbiamo dire da subito stop all’invasione e rivendicare questi alloggi per la nostra gente. Da presidente della Regione non intendo sottoscrivere alcun accordo per l’accoglienza. Per me, prima di tutto, vengono gli emiliano romagnoli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi a Caratta, Salvini sul posto. Fabbri: «Anche i sindaci Pd sono con noi»

IlPiacenza è in caricamento