Profughi cadono da carro agricolo, Lega: «È caporalato? Verifiche e sanzioni esemplari»

"Fatti come questo sono l'evidente conferma di quello che diciamo da sempre e cioè che le politiche di accoglienza sfrenata dei clandestini, oltre ad essere un folle spreco di denaro pubblico, sono un affare per quei datori di lavoro senza scrupoli che preferiscono sfruttare gli immigrati come manodopera in nero a basso costo"

"A Carpaneto, nel piacentino, due presunti profughi già mantenuti in villa a Pontedellolio (la Lega protestò per questo)  cadono da un trattore mentre erano su un rimorchio, insieme ad altre persone.  Uno degli stranieri, soccorso dall'eliambulanza, è ferito gravemente dopo l'impatto con un'auto, sopraggiunta. Altri sarebbero scappati dopo l'incidente.  Un nuovo caso di caporalato?  Manodopera agricola straniera in nero e a basso costo sulle spalle degli italiani? Chiediamo  che la Direzione del lavoro e l'Ausl compiano attente verifiche e sanzioni esemplari se sarà accertato lo sfruttamento in nero della manodopera clandestina. Nel caso, i responsabili dovranno pagare anche le spese sanitarie per le cure ai feriti. L'immigrazione sfrenata alimentata da questo governo - come denunciamo da sempre - si conferma un business per pochi profittatori che lucrano sulla pelle dei clandestini".

Così il segretario provinciale del Carroccio Pietro Pisani dopo i fatti di questa mattina, a Rezzano di Carpaneto. "Fatti come questo sono l'evidente conferma di quello che diciamo da sempre e cioè che le politiche di accoglienza sfrenata dei clandestini, oltre ad essere un folle spreco di denaro pubblico, sono un affare per quei datori di lavoro senza scrupoli che preferiscono sfruttare gli immigrati come manodopera in nero a basso costo piuttosto che dare un posto in regola e con le dovute tutele alla nostra gente, in un momento in cui c'è una drammatica 'fame' di lavoro causa crisi". "Per quale ragione due potenziali clandestini viaggiavano su un carro agricolo senza alcun rispetto delle prescrizioni sulla sicurezza? Come mai, dopo l'incidente, ci sarebbe stato il fuggi fuggi degli occupanti del trattore? Quali verifiche saranno previste?  Chiediamo chiarezza e massima fermezza nelle eventuali sanzioni e nei provvedimenti che, ci auguriamo, saranno presi per contrastare il ripetersi di simili casi. Dov'è la Cgil?  Dov'è il Partito democratico?  Diciamo no alla manovalanza straniera irregolare che sottrae opportunità di lavoro in regola ai piacentini e crea concorrenza sleale nei confronti di chi le regole le rispetta e i lavoratori li tutela. La responsabilità politica di tutto questo è del Pd che con le sue politiche di accoglienza sfrenata sta mandando in crac il paese, sta discriminando la nostra gente e sta alimentando il business criminale di caporali e scafisti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento