Profughi, Callori (Fi) all’Anci: «Solo i comuni devono poter decidere sugli alloggi»

La lettera di Fabio Callori all'Anci

Fabio Callori, vicesindaco di Caorso in quota Forza Italia e componente del direttivo Anci, scrive all’associazione dei comuni italiani in merito al tema profughi. «Segnalo – scrive nella missiva Callori - la grave condizione, ormai insostenibile, conseguenza dell’arrivo smisurato e senza controllo nei nostri territori dei cosiddetti profughi. La situazione, gestita in modo emergenziale, deve invece essere assolutamente  ben ponderata in quanto prossima al collasso. Non è assolutamente accettabile che tali rifugiati vengano ospitati, con modalità assai discutibili  sulla gestione dell’accoglienza, in strutture inidonee, spesso inagibili, con mancanza dei minimi requisiti igienico sanitari e di salubrità dei locali;  di contro, i cittadini residenti, devono attendere tempi lunghi  per il riconoscimento dei requisiti  di idoneità e agibilità delle loro abitazioni.  Questa disparità e diseguaglianza nell’applicazione delle norme, oltretutto,  altro non fa che peggiorare il clima di tensione che  è sempre più manifesto. Chiedo quindi, in qualità di Consigliere Nazionale ANCI,  che l’Associazione stessa si faccia portavoce presso  l’Assessorato Regionale e il Ministero competente affinché siano  attribuite esclusivamente ai Comuni, così come previsto dalla Legge,  le procedure per il riconoscimento dell’idoneità abitativa degli alloggi senza essere in alcun modo bypassati da altre istituzioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento