Profughi, Callori: «Finalmente Dosi si è reso conto di quello che sta accadendo»

Fabio Callori, vice Coordinatore Regionale di Forza Italia: «Sono anni ormai che come Forza Italia affermiamo che questa situazione non è più tollerabile, che il Governo centrale in primis e a seguire la Regione debbono intervenire con decisione per far cessare questi continui e incontrollati arrivi»

Fabio Callori

«Finalmente, e con piacere, noto che il sindaco di Piacenza  si è reso conto, seppure con notevole ritardo rispetto a quanto  da tempo preannunciato da Forza Italia, che l’attuale condizione legata al continuo arrivo di profughi a Piacenza  e su larga parte territorio piacentino è diventata, per usare un eufemismo, insostenibile». Lo sostiene Fabio Callori, vice Coordinatore Regionale di Forza Italia in seguito delle dichiarazioni del sindaco Paolo Dosi in merito alla situazione dei profughi sul territorio.

«E’ da tempo  che i sindaci piacentini denunciano la mancanza di controlli per i continui arrivi numericamente sproporzionati rispetto all’effettiva possibilità di accoglienza. In ambito sanitario  si stanno ripresentando  malattie che  da tempo  erano state debellate nel nostro Paese; inoltre  il  livello di integrazione è decisamente inadeguato  data la carenza  di mediatori  culturali che sarebbero necessari in questo frangente. Ormai è palese come tutto questo non sia più accettabile; è fuori dubbio che non si possa più chiedere ai cittadini  di continuare a sobbarcarsi ed accettare il giungere di profughi e di persone allo sbando che altro non fanno che minare la quiete pubblica e creare panico e senso di insicurezza nella propria città».

«Sono anni ormai che come Forza Italia affermiamo - continua - che questa situazione non è più tollerabile, che il Governo centrale in primis e a seguire la Regione  debbono intervenire con decisione per  far cessare questi continui e incontrollati arrivi e per ridare sicurezza alle nostre comunità. La situazione è stata mal gestita dal Governo in carica a cominciare  dall’accoglienza smisurata anche di chi non  possiede i requisiti per poter richiedere ospitalità e permettendo l’utilizzo  di  strutture quali  le Asp e i locali di associazioni  che avrebbero potuto essere a servizio delle nostre comunità e dei nostri connazionali in difficoltà. Finalmente  anche il sindaco di Piacenza e il centro sinistra si sono accorti di quello che sta accadendo nella  nostra città   e dimostrano  affinità con  quanto a “gran voce” chiediamo da tempo anche se,  inspiegabilmente,  a pochi mesi dal voto. Ma ormai i piacentini hanno  capito chi dà a  loro assoluta priorità e le prossime consultazioni amministrative saranno l’occasione per dimostrare che Forza Italia e il Centro Destra uniti  possano "far rivivere la città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento