rotate-mobile
Politica

Protesi mammarie esterne, «Rendere gratuita la fornitura con frequenza almeno annuale»

Mozione del gruppo consiliare Patrizia Barbieri Sindaco-Massimo Trespidi: «Attivarsi quanto prima per dare una celere risposta alla delicata problematica»

Protesi mammarie esterne, «Rendere gratuita la fornitura con frequenza almeno annuale». A chiederlo con una mozione urgente del gruppo consiliare Patrizia Barbieri Sindaco-Massimo Trespidi, a firma di Patrizia Barbieri, Jonathan Papamarenghi, Barbara Mazza, Massimo Trespidi e Federica Sgorbati.

«Premesso che la Regione, i Comuni, le Aziende Usl ed altri Enti promuovono l'autonomia delle persone con disabilità attraverso contributi e agevolazioni per l'acquisto di ausili e altre attrezzature» si legge nella mozione «in particolare, con riferimento al periodo post operatorio, in caso di interventi di mastectomia o quadrantectomia qualora si renda necessario utilizzare le protesi mammarie esterne sia provvisorie che definitive atte a ripristinare una visione anatomo-estetica del corpo il SSN prevede la rimborsabilità totale».

«Tali ausili però - prosegue - vengono forniti gratuitamente dall’Ausl solo ogni tre anni e l’Azienda può autorizzare una nuova fornitura prima dei tre anni solo in caso di rottura, smarrimento o particolare usura».

«Trattandosi di delicati ausili sottoposti giornalmente a particolare logorio che a lungo andare porta le protesi anche a deformarsi – aggiunge il testo - stante il costo piuttosto elevato degli ausili stessi; stante, altresì, i numerosi fattori di vulnerabilità ed i marcati cambiamenti nella forma e nella funzione del corpo che un intervento chirurgico così traumatico per le donne porta con sè – è noto, infatti, come la mastectomia abbia un impatto notevole anche dal punto di vista psicologico e sociale con una grande incidenza di disturbi depressivi, ai sensi dell’art. 73 del Regolamento del Consiglio Comunale – impegna il Sindaco e la Giunta ad attivarsi in ogni modo, unitamente alla Ausl locale ed alla Regione Emilia-Romagna al fine di rendere gratuita la fornitura di detti ausili esterni con una frequenza almeno annuale».

«L’urgenza è giustificata – concludono - dalla necessità di attivarsi quanto prima al fine di dare una celere risposta alla delicata problematica cercando in tal modo di ridurre l’impatto emotivo e psicologico inevitabilmente conseguente al periodo post operatorio».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protesi mammarie esterne, «Rendere gratuita la fornitura con frequenza almeno annuale»

IlPiacenza è in caricamento