menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Provincia, il bilancio è in pareggio: «Siamo un caso a livello nazionale»

C’è soddisfazione nel Consiglio Provinciale, che il 15 luglio è chiamato ad approvare il bilancio di previsione che pareggio a 39 milioni di euro. Silva: «Conti in ordine, siamo la prima provincia in Regione». Rolleri: «Confermo, ristruttureremo l’ex caserma per trasferire il liceo Cassinari»

Il bilancio previsionale 2015 dell’ente di via Garibaldi è salvo. Ora rimane solo da approvarlo in consiglio provinciale: una formalità. «Oggi è un momento molto importante – ha spiegato, a poche ore dalla discussione in consiglio il presidente Francesco Rolleri - che non si sta verificando nelle altre province italiane. A Roma proprio in giornata si discuterà delle problematiche relative alle approvazioni del bilancio in tutta Italia. Grazie all’opera di questa Amministrazione e alle scelte oculate delle precedenti, approviamo il nostro oggi».

«Il bilancio chiude con un pareggio a 39 milioni di euro – ha illustrato qualche dato del bilancio Vittorio Silva, direttore generale dell’ente -: 10 milioni e 600 mila sono relativi alle spese di personale, 17 milioni di euro sono i trasferimenti (99% interventi finanziati da fondi regionali, mentre solo 488mila euro sono nostri), 9,5 milioni le spese per beni e servizi. Riusciamo a raggiungere il pareggio dopo essere partiti da una situazione difficile. Lo scorso anno avevamo chiuso con oltre 7 milioni di euro di disavanzo: fortunatamente c’era un tesoretto di 8 milioni a cui attingere. Quest’anno abbiamo subito ulteriori 3 milioni e mezzo di tagli dallo Stato: in sostanza avevamo in partenza un dato di partenza di meno 10 milioni a cui rispondere».

«Siamo un ente sano – riflette Silva -, non abbiamo debiti grazie alle Amministrazioni precedenti. Abbiamo fatto alcune scelte rapide: tagliato il personale tramite pre-pensionamenti che hanno coinvolto 55 persone su 300 e ricollocate tante altre in diversi enti (e risparmiato 1 milione e 200mila di euro rispetto al 2014). Nel 2016 avremo 2 milioni in meno di spese al riguardo».

«Abbiamo estinto tutti i mutui in essere, ci siamo impegnati nei primi 4 mesi dell’anno a bloccare tutte le spese dell’ente per studiare il bilancio. Vi sono in questo bilancio -317mila euro di affitti, e i tagli ai contributi/trasferimenti. Da queste operazioni ed altre siamo arrivati a -7 milioni di spese. Poi c’è venuta incontro la Regione Emilia Romagna. Siamo l’unica provincia in regione che approva il bilancio, e in Italia gli enti con i conti già in ordine si contano sulla dita di una mano. Siamo un caso a livello nazionale». Rolleri, Calza, Vittorio Silva-2

«È emozionante – è l’intervento del vicepresidente Patrizia Calza - presentare un bilancio di questo tipo. Mesi fa eravamo nell’incertezza normativa, alle prese con problemi legati al personale: oggi siamo nelle condizioni di approvare il bilancio, penso sia un grosso risultato. C’è un lavoro importante alle spalle, prima di tutto abbiamo risolto la questione del personale, c’è stata condivisione massima da parte di tutti i consiglieri, che hanno partecipato a decisioni anche impopolari. I dipendenti hanno capito e collaborato. Qua ci sono sempre state persone con i piedi per terra». Calza ha la delega ai lavori pubblici e vuole evidenziare gli impegni di spesa dell’ente al riguardo. «Stiamo facendo interventi importanti e straordinari sulle strade. Abbiamo pensato a lungo a come spendere bene le risorse: penso alla messa in sicurezza della rotatoria di Gossolengo, alla comunale di Rio Chiappone, alla rotatoria della Bonina tra Calendasco e Rottofreno. Correggeremo il fondo stradale tra i Casoni e Gariga, e ristruttureremo il ponte di Chiavenna, sistemando inoltre una frana ad Agazzano». Il totale di queste opere è 8 milioni e 633mila euro. «A tutto ciò vanno aggiunte le opere di asfaltatura (per 2 milioni) su cui ci contreremo. Ci dedicheremo in particolare alla montagna ma non abbiamo ancora deciso quali strade beneficeranno di queste risorse».

«C’è la conferma della bontà della costruzione di un bilancio – ha commentato il sindaco di Piacenza Paolo Dosi - che due anni fa sarebbe stato anomalo, invece è da considerare straordinario vista la situazione e il clima di incertezza. A inizio anno sembrava penalizzante questo documento, oggi ha pure aspetti positivi e prevede investimenti importanti. Il merito è di un presidente che ha avuto la determinazione, di fronte alle difficoltà oggettive, di non farsi prendere dallo scoramento. Oggi non sappiamo ancora il nostro destino, ma in questi giorni sapremo il futuro, i tempi e la trasformazione delle Amministrazioni provinciali. Voglio sottolineare la collaborazione non scontata dei tecnici. Se tutto va bene anche il Comune di Piacenza domani porterà a casa il bilancio: la collaborazione tra i due enti è stretta, abbiamo obiettivi comuni da raggiungere».

Stefano Perrucci ha sottolineato invece l’offerta culturale e le manifestazioni che ricevono la collaborazione della Provincia. «C’è una gamma variegata di offerte culturali importanti, riusciamo a offrire eventi ricchi. Il territorio da questo lato ha grandi potenzialità».

Più volte due componenti della squadra di Rolleri sono state protagoniste di feroci critiche da parte del centrodestra. Le consigliere Paola Galvani e Gloria Zanardi, di Forza Italia, hanno infatti accettato di ricevere alcune deleghe. «Alcune parti politiche – ha detto al riguardo Rolleri - non vogliono capire cosa sono le nuove Province: siamo allo stesso livello delle Unioni di Comuni. Quando si parla di inciuci si dice una bugia o un’inesattezza: allora ci sono inciuci in tutte le Unioni del Piacentino. Cerchiamo di fare il bene del territorio insieme, ce lo dice la normativa. È strano che due consiglieri – i due rappresentanti in consiglio provinciale Sandro Bursi e Filippo Bertolini (Fratelli d’Italia) - non abbiano aderito a prendere le deleghe nel consiglio provinciale. In questi mesi abbiamo cercato di operare insieme a tutte le forze politiche. L’inciucio c’è in tutte le Unioni allora: questa è solo volontà di lavorare insieme per il bene del territorio». Rolleri ha inoltre confermato – l’intervento è nel bilancio – di ristrutturare l’ex caserma dei vigili del fuoco di viale Dante per trasferirvi il liceo artistico Cassinari. «E’ un investimento importante che va ad aumentare la messa in sicurezza dei nostri edifici scolastici secondari». Un investimento da 6 milioni e mezzo di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento