menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Putzu (Fi): «Nessuna lungimiranza sulla nuova piscina»

Il consigliere di Forza Italia: «Scelta non condivisa, una piscina olimpionica avrebbe attirato consistenti ritorni economici e di immagine»

«Risulta quindi definitivamente tramontata – scrive in una nota Filiberto Putzu, consigliere comunale di Forza Italia - dopo le ultime dichiarazioni del Sindaco Dosi, la piscina olimpionica a Piacenza. É l'ennesima scelta che dimostra l'assoluta mancanza di lungimiranza di questa amministrazione incolore (se non fosse per il colore rosso della propria ideologia....).

Si prosegue quindi con scelte di ripiego studiate (si fa per dire) sul contingente senza alcun interesse per lo sviluppo della città. Una piscina olimpionica -oltre che a qualificare l'offerta interna- avrebbe attirato a Piacenza gare natatorie di livello almeno nazionale, con ovvi consistenti ritorni economici e di immagine. Invece si opta per una vasca più piccola alla Galleana e per la chiusura della piscina Raffalda.

Ma ora qualche ulteriore considerazione. Il precedente Sindaco Reggi aveva proposto la piscina olimpionica aggiudicando il bando di gara nell'aprile 2011. Addirittura appena prima delle elezioni comunali del 2012 ne aveva posato la prima pietra (sob...). Il bando di gara prevedeva un impegno da parte del Comune di poco meno di 8 milioni di euro (497.000 euro/anno per 16 anni a partire dal 2014). Successivamente la cordata aggiudicataria aveva chiesto un ritocco in aumento (+20%) del contributo da parte del Comune, non raggiungendo poi un accordo con l'Amministrazione. Seguivano valutazioni sulla opportunitá della nuova piscina cosí ipotizzata, con ridimensionamento del progetto fino all'attuale.

L'11 luglio scorso durante una presentazione in Sant'Ilario l'assessore Cisini ed il Sindaco Dosi parlavano di "risparmio economico e riqualificazione degli impianti esistenti". Allora due calcoli....Il primo progetto prevedeva 3 vasche : una vasca olimpionica di 50x25 metri, una seconda vasca 25x10 metri per corsi e fitness, ed una terza vasca esterna di 400mq. Il costo previsto per il Comune era come detto di 8 milioni di euro. Ora la vasca é una sola, di dimensioni inferiori (33x25 metri) ed il costo previsto é di 500.000 euro/anno per 20 anni a partite dal 2019, pari a 10 milioni di euro... Si tratta allora di una scelta migliorativa o peggiorativa? E ancora -trattandosi di decisione della sola Giunta, e non ampiamente condivisa- é giusto caricare la scelta e l'impegno economico sulla prossima Amministrazione che potrebbe non essere del medesimo orientamento politico? Infine perché chiudere la piscina Raffalda, riducendo di fatto l'offerta per chi nuota? Inoltre i costi (quali?) di questa operazione saranno a carico di chi?».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento