rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Politica

Quartiere Roma, Cugini: «Riporteremo i servizi educativi»

Alternativa per Piacenza ha incontrato i cittadini del quartiere: «Lotta ai sub affitti illegali. I giardini Margherita tornino a essere un luogo di aggregazione»

«Il quartiere Roma deve tornare ad essere bello grazie al senso civico, all'educazione e alla politica che deve dettare un percorso preciso». È un appello unanime che si è levato dai residenti del quartiere che hanno partecipato numerosi al tour “Zaino in Spalla” del candidato di Alternativa per Piacenza Stefano Cugini. Qualcuno dei presenti si è domandato «che senso hanno i nostri sforzi se in questi anni non è cambiato nulla?». Come a dire: ce la mettiamo tutta, ma non può essere affidato tutto a noi che siamo residenti e ci facciamo in quattro. La politica dove sta? E ancora «perché non sfruttare le potenzialità del quartiere che ha due giardini ma che, di fatto, non sono vivibili perché non strutturati?».

«Come dargli torto – ha commentato Cugini – i cittadini si sono stufati di sentire promesse non mantenute. La nostra proposta è di tornare alla politica dell'ascolto e del fare, non delle promesse al vento. Riannodare il legame di fiducia è difficilissimo. Crediamo che sia soprattutto una questione culturale e di educazione. Cosa si vuole fare in questo quartiere perché le scuole non siano un ghetto, perché i giardini siano vivibili, perché il commercio possa rifiorire, considerato che ad oggi le saracinesche del quartiere sono per lo più abbassate?».

«Alternativa per Piacenza – prosegue Cugini - ha delle proposte che cercheremo di portare a termine se ci verrà data la possibilità: lotta strenua ai sub affitti illegali che creano disagio sociale, ma anche economico e igienico. Riportare nel quartiere i servizi educativi che, insieme al tema dei negozi sfitti, condizionano fortemente la qualità della vita; c'è poi la necessità di allentare i vincoli della monumentalità del giardino Margherita, perché torni ad essere un luogo sano di aggregazione per l'intero quartiere. Niente di nuovo, per la verità, sono priorità già emerse nella progettazione partecipata di Porta Galera 3.0: allora tutto fu interrotto dalle elezioni e dal cambio di amministrazione. Oggi siamo pronti a riprovarci insieme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quartiere Roma, Cugini: «Riporteremo i servizi educativi»

IlPiacenza è in caricamento