Raffaele Fitto dai Liberali: «Su Barbieri ampia intesa»

Anche l'europarlamentare Fitto plaude alla candidatura a sindaco di Patrizia Barbieri per il centrodestra locale. L’ex governatore della Puglia, parlamentare europeo, ha fatto visita questa mattina all’associazione dei Liberali Piacentini Luigi Einaudi

Anche Raffaele Fitto plaude alla candidatura a sindaco di Patrizia Barbieri per il centrodestra locale. L’ex governatore della Puglia, parlamentare europeo, ha fatto visita questa mattina all’associazione dei Liberali Piacentini Luigi Einaudi. Fitto si è intrattenuto con i liberali (all’incontro era presente anche l’avvocato Corrado Sforza Fogliani) conversando di questioni nazionali e locali. Da qualche anno il leader pugliese si è staccato da Forza Italia per fondare il suo gruppo parlamentare “Conservatori e Riformisti”. «Ora siamo diventati “Direzione Italia” – ha spiegato poi alla stampa - facciamo parte del gruppo europeo di “Conservatori e Riformisti”, stiamo lavorando per radicare e costituire il nostro movimento politico in tutta Italia. Proprio in questa giornata abbiamo l’assemblea regionale dell’Emilia a Bologna, sarà l’undicesima regione in cui ci organizziamo. Portiamo avanti un programma netto e chiaro su un profilo liberale e un radicamento territoriale che vede costituirsi realtà regionali e locali».

Fitto ha parlato dell’unità del centrodestra a livello nazionale. «Io penso che il centrodestra deve trovare il modo di unirsi e organizzarsi. Ci vuole una chiarezza, dobbiamo essere una netta e chiara alternativa alla sinistra. Noi abbiamo rotto con Forza Italia due anni fa, siamo usciti dal loro gruppo, per un tema fondamentale come il Patto del Nazareno, che abbiamo contestato. Non abbiamo mai votato le riforme istituzionali come quella Costituzionale e la legge elettorale. La premessa per l’unità deve essere questa: temi saldi e radicati nel centrodestra. L’unico modo per un confronto serio è quello delle primarie, ci vuole un sistema di partecipazione come questo. Lavoreremo per questo, ne siamo convinti».

Fitto si è interessato alla vicenda piacentina che ha tenuto banco in queste travagliate ore. «Qui a Piacenza sulla Barbieri – ha aggiunto - mi pare che ci sia un’intesa abbastanza ampia e molto positiva, al di là di alcune singole posizioni. Chiaro che nelle realtà locali non ci sono i tempi per sperimentare nuove forme di centrodestra». Poi ha rilanciato il suo movimento in ottica nazionale. «Dobbiamo parlare agli astenuti del centrodestra, a quei milioni di voti persi, senza parlare alla pancia. Abbiamo perso elettori perché quando abbiamo governato non abbiamo saputo dare risposte adeguate e coerenti. Abbiamo fatto degli errori, ora dobbiamo costruire un’alternativa. Dobbiamo dare soluzioni di governo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento