Rancan: «Bonaccini pubblichi i dati che dimostrano che il passaggio in zona arancione è imputabile alle cene in famiglia»

Il capogruppo della Lega ripercorre le affermazioni fatte sin qui dal governo centrale

«Pretendiamo di vedere i dati che fanno risultare l'Emilia Romagna condannata alla zona arancione per colpa dei pranzi e delle cene del periodo natalizio o, in alternativa, saremo di fronte all'ennesima sparata del presidente Bonaccini». Lo ha detto il capogruppo regionale della Lega, Matteo Rancan, alla vigilia del nuovo provvedimento restrittivo con l'applicazione della zona arancione deciso per far fronte alla pandemia da Covid 19. «Prima la sua frase 'Chiudiamo a ottobre per aprire a Natale'. Poi 'Le misure per Natale servono a far scendere la curva'. Ora Bonaccini dice che 'La nuova zona arancione scatta per colpa di pranzi e cene durante le feste'. Invito Bonaccini - attacca il capogruppo regionale della Lega - a preoccuparsi di chiedere al suo Governo i ristori tanto decantati ma mai arrivati. Basta proclami conclude il leghista Rancan - servono sostegno, risorse e umiltà non frasi di circostanza per imbonirsi i cittadini senza poi fare di tutto per difendere un territorio in cui famiglie e operatori economici si vedono nuovamente condannati a subire errori di programmazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento