Rancan e Pisani: «Criminalità e immigrazione, binomio confermato dai dati»

L'intervento del segretario provinciale della Lega Nord Pietro Pisani e del consigliere regionale Matteo Rancan

Pisani e Rancan

«Se il 49,4% dei reati più comuni a Piacenza sono commessi da stranieri, significa che nel nostro territorio l’immigrazione non si è rivelata essere quella risorsa tanto enfatizzata dai sostenitori dell’apertura a tutti i costi delle frontiere. Al contrario, i dati danno ragione alla Lega Nord sul collegamento tra l’accoglienza non selezionata e la delinquenza, un binomio troppo a lungo ignorato e ora convalidato dai dati».

Così il segretario provinciale del Carroccio, Pietro Pisani, ed il consigliere regionale Matteo Rancan in riferimento alle statistiche presenti nella banca dati delle forze di polizia italiane (SDI), che evidenziano l’incidenza della criminalità straniera a Piacenza nei primi mesi del 2017, periodo nel quale la metà degli arrestati è risultata provenire da altri paesi. «Ai paladini dell’immigrazione indiscriminata – attaccano – non resta che prendere atto di come la loro politica delle porte aperte si sia convertita in un sistema per l’importazione di malviventi. Fenomeno, questo, di cui il nostro paese non ha assolutamente bisogno. Quello di cui i cittadini avvertono la necessità è invece un fermo cambiamento, a partire dalle regole sull’immigrazione che stanno trasformando l’Italia in una terra di conquista per delinquenti d’ogni tipo. Non possiamo più permettere – insistono Pisani e Rancan - che nei nostri territori, già oppressi da un’invasione senza precedenti, certe etnie si mettano negativamente in luce per l’elevata frequenza nei crimini commessi.  Senza costoro avremmo il 50% in meno dei crimini e la possibilità di investire per i nostri cittadini bisognosi le risorse che oggi vengono destinate a fronteggiare la delinquenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento