Rancan (Ln): «Giochi di poltrone dietro all'incarico per De Micheli»

Il consigliere regionale del Carroccio: «De Micheli si è già distinta come maestra di promesse vanificate sull'alluvione nel Piacentino e su Saipem»

«Un gioco di poltrone interno al Partito Democratico, dal quale le competenze delle persone rimangono fuori. Solo ragionando in quest’ottica si può spiegare la nomina di Paola De Micheli a commissario straordinario del Governo alla ricostruzione delle zone terremotate dell’Italia Centrale». Inaccettabile, per il consigliere regionale della Lega Nord Matteo Rancan, l’avvicendamento nell’incarico da Vasco Errani all’attuale sottosegretario all’Economia, previsto dal premier Gentiloni. «Non si capisce infatti – accusa – quali siano i meriti e le conoscenze, in un campo tanto delicato, di De Micheli, che non rappresenta nessuno e che insieme al Partito Democratico ha perso tutte le tornate elettorali degli ultimi due anni. La serie di sconfitte elettorali sembra appunto la spia di una serie di meccanismi politici che non fanno il bene dei cittadini, ma solo di un PD nel quale è possibile accedere a certi ruoli per vicinanza a questo o quell’esponente di primissimo piano. Va infine ricordato – aggiunge Rancan - che De Micheli si è già distinta come maestra di promesse vanificate: si pensi ai grandi annunci sull’alluvione del Piacentino che non hanno risolto tutti i problemi e le rassicurazioni sul proseguimento dell’attività a Cortemaggiore di Saipem, che però ha chiuso i battenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento