Referendum, nasce il comitato “Mamme per il Sì”

Nasce un nuovo comitato piacentino a favore della riforma elettorale, si chiama “Mamme per il Sì”. A proporlo Cinzia Agnoli che, con altre mamme di Piacenza, ha deciso di costituire il comitato per divulgare il più possibile i "buoni propositi del quesito referendario"

Elena Malerba, Alessia Malerba, Cinzia Agnoli, Lucia Bobbi.

Nasce un nuovo comitato piacentino a favore della riforma elettorale, si chiama “Mamme per il Sì”. A proporlo Cinzia Agnoli che, con altre mamme di Piacenza, ha deciso di costituire il comitato per divulgare il più possibile "i buoni propositi del quesito referendario2. “Vi chiederete – ha spiegato Cinzia Agnoli - perché mai a una mamma possa venire l’idea di intraprendere questa iniziativa. Forse desterebbe meno curiosità se ci fossimo attivate per qualcosa che riguarda un servizio, o altri temi come sport, educazione, assistenza, qualcosa cioè di più facilmente riconducibile alle nostre realtà familiari e ai nostri ragazzi. E infatti noi pensiamo che la riforma costituzionale, al di là dei suoi tecnicismi, riguardi molto da vicino noi e i nostri figli”. 

Secondo il comitato “Mamme per il Sì” la riforma rappresenta un punto di partenza per migliorare. “Consegniamo ai nostri ragazzi – hanno sottolineato - una realtà difficile. La riforma non è la panacea di tutti i mali, ma comunque una possibilità per semplificare le cose. Sono trent’anni che si cerca di proporre un progetto di riforma e chi ha preceduto l’attuale Presidente del consiglio non ci è mai riuscito”. “Non siamo certo delle costituzionaliste – ha precisato poi la Agnoli - ma se la proposta è di cambiare il Senato, snellendolo di 215 persone che percepiscono anche una indennità noi diciamo Sì”. Le mamme a turno parlano dei privilegi della politica, facendo riferimento al risparmio di risorse anche per quel che concerne Province e Cnel.

“La gente è arrabbiata per tanti motivi – hanno osservato -  ma votare no per protesta o per paura non è la soluzione: tutto resterà esattamente com’è. La cosa più terribile per un genitore è assistere impotente ad un avvenire non proprio roseo sul quale i propri figli si affacciano. Tutti i giorni, da mamme, vorremmo che i nostri figli avessero coraggio e preservassero l’entusiasmo verso il futuro. L’immobilismo invece ci fa più paura, più paura di una riforma che magari non sarà perfetta ma che, come abbiamo detto, è il punto di partenza per migliorare, sperare e credere che non tutto è perduto. Lasciare così le cose non è, a nostro parere, la risposta. Il tempo è prezioso, non lasciamone passare altro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento