Giro Padania, il Reggi furioso: "Ci prendono pure per il sedere!"

Durissimo attacco del primo cittadino alla Lega sulla richiesta del passaggio in città del Giro della Padania. Reggi non le manda a dire: "I piacentini manderanno il trota, Bossi e gli amichetti loro a pedalare nel cortile"

Renzo Bossi, il Trota, in bicicletta (foto Sky.it)

Duro il giudizio del sindaco Roberto Reggi sul passaggio del Giro della Padania nel piacentino.

"Nei giorni scorsi e' pervenuta all'amministrazione comunale la richiesta di transito nel nostro Comune del "Giro di Padania 2011" che comporterebbe la chiusura temporanea in giorno feriale di via Einaudi e della tangenziale Sud, oltre alla necessita' di distaccare pattuglie di vigili urbani per garantire il presidio e la sicurezza durante il passaggio dei ciclisti - scrive il primo cittadino sul web -. Il dirigente preposto risponderà per l'amministrazione, come prevede la legge, in merito alla inopportunità della chiusura di una via ad alto scorrimento come la tangenziale in un giorno lavorativo".

"Ma e' mai possibile nell'anno del 150esimo dell'unita d'Italia assistere a queste pagliacciate - incalza il sindaco - con utilizzo obbligato e ingente di risorse pubbliche (polizia stradale, polizie locali), creando disagi ai cittadini in giorni lavorativi? Non stanno creando abbastanza disagi ai lavoratori onesti dal governo con le loro scellerate decisioni, questi fanfaroni della Lega Nord? Non stanno sperperando abbastanza denaro da Roma coi ritardi con cui hanno riconosciuto e male affrontato questa gravissima crisi economica che sta mettendo in ginocchio il nostro paese? Evidentemente no!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci prendono pure per il sedere con questo penoso spettacolo - conclude l'esponente democratico - in cui pretendono di affermare l'esistenza di una cosa che non esiste: la Padania! E comunque non esiste a Piacenza che e' una bellissima città e una stupenda provincia che loro, i leghisti, stanno provando a far scomparire alla faccia della tutela dell'identita' territoriale, con il complice atteggiamento passivo e remissivo dell'amministrazione provinciale dove sono in maggioranza. Ma non ci riusciranno e intanto i piacentini manderanno il trota, Bossi e gli amichetti loro a pedalare nel cortile di casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento