Politica

Regionali, la lista “Il popolo della famiglia-Cambiamo!” non ci sarà

Bocciato il ricorso presentato dai referenti piacentini della lista, che non sarà presente sulle schede elettorali nella nostra provincia

«Ci sono stati alcuni problemi nella presentazione della lista. A causa di uno sforamento di mezz’ora dell’orario di presentazione delle firme, rischiamo di non essere presenti sulla scheda elettorale del 26 gennaio». Romano Tribi, tra i referenti piacentini de “Il popolo della famiglia”, non accetta l’esclusione della lista (che si presentava insieme a “Cambiamo!” di Giovanni Toti) nella circoscrizione piacentina, nella coalizione del centrodestra a sostegno di Lucia Borgonzoni. Se negli altri territori non si sono verificati problemi (ad eccezione di Bologna, dove non è stata presentata), a Piacenza il simbolo non sarà probabilmente presente alle Regionali del 26 gennaio. La lista è stata giudicata “fuori tempo massimo”. Un primo ricorso è stato presentato al Tribunale di Piacenza, poi in Corte d’Appello a Bologna. In seguito, anche il Tar di Parma ha bocciato l’istanza dei piacentini. Rimarrebbe un’ultima carta: il Consiglio di Stato. «Stiamo valutando cosa fare - spiega Tribi – ma ci sono poche speranze. Non ci troviamo d’accordo con la decisione di escludere la nostra lista, siamo arrivati tardi non per colpa nostra». Borgonzoni e il centrodestra, almeno a Piacenza, perdono così un pezzo della coalizione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, la lista “Il popolo della famiglia-Cambiamo!” non ci sarà

IlPiacenza è in caricamento