Ricci Oddi, il Consiglio mette fretta sulla climatizzazione. E serve un direttore

A Palazzo Mercanti si è ancora discusso del rilancio della galleria d’arte moderna. Il sindaco: «A fine settembre il progetto per l’impianto promesso dalla Fondazione, noi unica Giunta a trovare i soldi per farlo. Ma non c’intromettiamo nella scelta del direttore»

«C’è bisogno che due consiglieri di maggioranza – ha tuonato Massimo Trespidi (Liberi) - dicano cosa devono fare i nostri rappresentanti nel Cda della Ricci Oddi? Ci penseranno già il sindaco e l’assessore alla cultura a spiegare la posizione del Comune. I rappresentanti del nostro ente si battano per fare un concorso per l’individuazione di un nuovo direttore. Anche perché continuiamo a dare soldi alla galleria: si sappia almeno se questi bastano o meno a pagare un direttore che gestisca la Ricci Oddi. È evidente che il presidente attuale, Massimo Ferrari, ha idee diverse da quelle dell’Amministrazione. O lo si manda a casa, o l’Amministrazione si fa ascoltare». Trespidi ha puntualizzato anche sull’impianto. «I soldi a bilancio non ci sono, non è corretto dirlo, perché il progetto per Barbieri e Jonathan Papamarenghi-2l’impianto di climatizzazione non è ancora pronto. Mi sono stufato di sentire queste storie. Dopo due anni di Amministrazione manca un direttore, l’impianto e perfino il progetto per farlo». «E corrisponde al vero - ha chiesto alla Giunta - che si vuole cambiare lo statuto della Ricci Oddi? Il Consiglio comunale sia notiziato».

Il dibattito sulla Ricci Oddi ha ricalcato un po’ le tante discussioni del recente passato. «È un labirinto questo percorso – è il pensiero di Sergio Dagnino (5 Stelle) -. «Diteci dove è il problema – il parere di Giorgia Buscarini (Pd) -, dove si blocca la macchina. È evidente che c’è qualcosa che non va». «Con il passare del tempo sta assumendo i contorni – ha aggiunto Giulia Piroli (Pd) - di una vicenda kafkiana. È una situazione senza via d’uscita. O si revoca il mandato ai rappresentanti comunali nel Cda, o si chiedono le dimissioni del presidente Ferrari. È fondamentale la figura di un direttore». «Curioso che sia la maggioranza – ha fatto notare Stefano Cugini, capogruppo Pd - ad incalzare sulla Ricci Oddi: siete al governo della città e i consiglieri della vostra parte insistono». «Il sindaco disse che il 2019 – ha ricordato Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune) - sarebbe stato l’anno del rilancio della Ricci Oddi…».

Ma dall’Amministrazione promettono tempi celeri, da adesso in poi. «Il presidente della Ricci Oddi – ha replicato il sindaco Patrizia Barbieri - è nominato dal Cda, e quando fu scelto Ferrari non c’eravamo ancora come Giunta. L’assessore Passoni ha avuto un colloquio con Ferrari: a fine settembre il progetto per l’impianto di climatizzazione sarà ultimato. In modo da avere l’impianto di climatizzazione in tempi brevi e dare una risposta concreta. Intanto va detto che siamo l’unica Amministrazione che si è resa disponibile a trovare la somma necessaria dopo tanti anni che se ne parla». «Il bando per individuare un nuovo direttore – ha puntualizzato il sindaco - tocca al Cda della galleria e non ci permettiamo di intrometterci. Il direttore può essere di diversi profili: più tecnico-amministrativo, o maggiormente bravo nelle relazioni con le altre gallerie, oppure uno in grado di curare due o tre mostre di rilievo all’anno. L’importante è che la galleria chiarisca cosa fare di quel bando per la figura del direttore». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento