Rifondazione Comunista al fianco dello sciopero sulla grande distribuzione

Prc: "Il 7 novembre i lavoratori della grande distribuzione scenderanno in sciopero per il contratto, in difesa dei loro diritti e per un salario in grado di rispondere ai morsi della crisi"

"Domani, 7 novembre - fa sapere Rifondazione Comunista - i lavoratori della grande distribuzione scenderanno in sciopero per il contratto, in difesa dei loro diritti e per un salario in grado di rispondere ai morsi della crisi. Nel settore del commercio più che altrove sono state praticate politiche aziendali ispirate alla massima flessibilità e alla precarietà subordinando totalmente la vita dei lavoratori alle esigenze del mercato.
Il contratto di categoria è ormai scaduto da 22 mesi, ma le associazioni datoriali esattamente come Federmeccanica, pensano ad adeguamenti al ribasso, vogliono prendere indietro anziché dare, vogliono togliere anziché redistribuire i lauti profitti ottenuti.
Tentano infatti di imporre un arretramento dei diritti normativi e puntano alla riduzione del costo del lavoro mediante la cancellazione degli scatti di anzianità, con la diminuzione dei permessi retribuiti, aumentando la flessibilità dell’orario di lavoro, ipotizzando addirittura la diminuzione del costo dell’ora lavorata, pagando meno le prestazioni di lavoro straordinario, domenicale, festivo e notturno, peggiorando il trattamento economico della malattia. Rifondazione Comunista è al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori della grande distribuzione in questa che è una battaglia di civiltà e di dignità per i tanti che contribuiscono a creare ricchezza e benessere per il nostro paese.
Il P.R.C. invita alla solidarietà il popolo dei consumatori perché il valore della democrazia e del lavoro torni ad essere centrale rispetto quello del profitto di pochi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento